Uno dei problemi nel nostro Paese che ormai va avanti da anni è sicuramente la lotta all’evasione fiscale e proprio nei mesi precedenti ci sono state delle manovre politiche per combattere questo fenomeno.

Da quello che ci risulta, sembra che il Fisco abbia iniziato una serie di controlli fiscali più dettagliati sui conti correnti di diverse persone. Entrando nei particolari si evince che a subire questi controlli rigidi siano principalmente i clienti appartenenti alla BNL, intesa SanPaolo e Unicredit.

Il motivo per cui sono stati avviati questi controlli da diverse settimane, è quello di riuscire a stanare i ‘furbi’ meglio conosciuti con il nome di evasori fiscali, i quali continuano ad evadere il Fisco con delle false dichiarazioni.

 

 Nuovo strumento contro l’evasione fiscale: Risparmiometro

Se c’è una speranza che possa far abbassare il livello di evasione fiscale in Italia, questa prende il nome di Risparmiometro. Si tratta di un nuovo strumento ideato dal Fisco italiano con la collaborazione dell’Agenzia delle Entrate. Al suo interno è presente un algoritmo di alto livello che è in grado di studiare ogni movimento effettuato sui conti correnti presi sotto esame. In poche parole, esamina tutte le entrate e le uscite di quel conto corrente.

Leggi anche:  Tassa sui Contanti: ecco le ultime novità, italiani su tutte le furie

Stando alle ultime indiscrezioni, questo strumento è già attivo ed i primi conti correnti sotto osservazione risultano essere quelli legati alla BNL e intesa SanPaolo. Da quello che si trapela, prossimamente i controlli si sposteranno anche sui conti correnti dei clienti Unicredit.

Per ridurre la percentuale degli errori, il Fisco ha deciso di eseguire un secondo controllo più approfondito su quei conti in cui c’è un dislivello tra entrate e uscite pari al 20%.