Phishing e SIM SwappingPhishing e Sim Swapping: così sono denominate le due truffe online in cui è possibile imbattersi con sempre maggior frequenza. Il primo, sicuramente più noto data la portata non indifferente di attacchi ideati dai criminali negli ultimi periodi, riguarda dei tentativi di frode che arrivano attraverso email; ma anche SMS e WhatsApp. Attraverso questi mira ad estorcere i dati sensibili delle vittime per utilizzarli in maniera illecita: svuotando carte e conti correnti o traendone vantaggio tramite azioni fraudolente. Il SIM Swapping, invece, agisce in maniera differente. Infatti, in questo caso le vittime subiscono il furto del loro numero telefonico, andando incontro anche alla perdita di denaro e dati personali. 

Truffe online: ecco come tutelare dati e denaro evitando il phishing e il SIM swapping!

I due tentativi di frode online si stanno diffondendo in maniera sempre più intensa. Alcuni accorgimenti, però, possono rivelarsi decisamente utili al fine di tutelare i propri dati e il proprio denaro. Per quanto riguarda i tentativi di phishing è sempre utile ribadire di prestare molta attenzione durante la lettura di email ed SMS sospetti. In particolar modo, è bene procedere con cautela in caso di messaggi riguardanti il blocco della carta di credito o la possibilità di ricevere premi e denaro. La presenza di link e file costituisce uno dei segnali da non sottovalutare, soprattutto se suggeriti come strumento utile allo scopo di risolvere in fretta dei problemi legati al conto in banca.

Leggi anche:  Netflix diventa Gratis per 2 Anni, ecco la verità sui messaggi ricevuti

Per gli accorgimenti utili al fine di identificare il SIM Swapping facciamo riferimento a quanto riportato da DDay.it nell’intervista a Paul Heffernan. Trattandosi di un fenomeno poco facile da smascherare è bene non trascurare alcun campanello d’allarme. La mancata ricezione di messaggi e chiamate per lunghi periodi non deve lasciare indifferenti. Inoltre, è fondamentale utilizzare più indirizzi email per le questioni finanziarie e non fornire mai il codice di accesso al conto online; nessun istituto bancario è autorizzato a richiedere tale informazione.