amazon-echo-2016-promo-pic-2-google-spiare-speaker-investitori-700x400

John Borthwick è un Ex dirigente di AOL e Time Warner, oltre ad un investitore in tecnologia per la società di capitale di rischio Betaworks da lui fondata. Borthwick ha alcune opinioni forti su uno dei prodotti in più rapida crescita nella tecnologia in questo momento, l’altoparlante intelligente.

Le spedizioni globali di questi device sono aumentate del 55,4% su base annua nel secondo trimestre. Mentre molti consumatori acquistano il loro primo smart speaker, alcuni aggiungono unità aggiuntive per la loro casa.

Amazon e Google, ecco cosa pensa Borthwick dei loro altoparlanti

Gli altoparlanti intelligenti sono composti da un altoparlante e un assistente digitale. Gli utenti possono ascoltare musica in streaming, ascoltare le ultime notizie, controllare elettrodomestici intelligenti, effettuare telefonate e molto altro. Amazon ha creato la categoria con i suoi altoparlanti Echo dotati dell’assistente digitale Alexa.

Un altro grande giocatore in questo spazio è Google, i cui altoparlanti intelligenti dispongono di Google Assistant. Borthwick ha recentemente dichiarato che crede che Amazon e Google stiano usando i loro altoparlanti intelligenti per sorvegliare i consumatori. Borthwick afferma che potrebbe essere necessario un certo tipo di regolamentazione. La sua preoccupazione è che i consumatori potrebbero non capire perché le aziende tecnologiche stiano ascoltando registrazioni fatte di interazioni tra utenti degli altoparlanti e assistenti digitali.

I recenti rapporti, inoltre, rivelano che aziende come Apple, Amazon e Google hanno assunto aziende o dipendenti per effettuare registrazioni di clienti che interagiscono con i loro assistenti digitali. Le ditte tecnologiche affermano che ciò viene fatto per assicurarsi che gli aiutanti virtuali comprendano i compiti che devono svolgere e rispondano in modo appropriato.

Leggi anche:  Amazon Prime Video: scopriamo tutte le novità di settembre

Tuttavia, nel processo di valutazione delle capacità di assistenti come Siri (Apple), Alexa (Amazon) e Google Assistant, le aziende stanno ottenendo l’accesso a registrazioni che includono informazioni personali appartenenti agli utenti senza il loro consenso.

Queste società non hanno mai chiesto il consenso ai loro utenti

Ad aprile, un rapporto ha rivelato che Amazon trascrive le registrazioni fatte dei clienti che chiedono ad Alexa di gestire determinati compiti. La società ha affermato di utilizzare queste trascrizioni per aiutare Alexa a comprendere il gergo, le lingue straniere e le espressioni regionali. Il mese scorso, Apple ha sospeso un programma che utilizzava appaltatori di terze parti che avrebbero ascoltato fino a 1.000 frammenti di registrazioni al giorno dei clienti Apple che parlavano con Siri.

Il problema qui è che Apple non ha mai ricevuto il consenso dei suoi clienti per trasmettere le clip agli appaltatori. E poiché a volte Siri si attiva per caso, gli appaltatori hanno affermato di aver sentito i proprietari di dispositivi Apple coinvolti nel sesso o parlare con i medici delle condizioni mediche personali. Apple ha affermato che gli appaltatori non sono stati in grado di determinare l’identità delle persone ascoltate.

Le versioni future di iOS consentiranno agli utenti di annullare la sottoscrizione a qualsiasi programma di punteggio Siri se Apple decide di riprenderlo. Anche Google ha interrotto il suo programma mentre Amazon consente ai suoi utenti di annullare l’iscrizione. Facebook, invece, ha sospeso un programma in cui i dipendenti ascoltavano i comandi vocali degli utenti della sua app Messenger.