Manca ancora qualche mese e poi finalmente gli utenti di Tim, Vodafone, Wind e 3, possono usufruire del nuovo servizio di connessione, ovvero il 5G. La quinta rete di generazione, così denominata dagli esperti di questo settore, sarà un passo in avanti verso l’innovazione tecnologica. Una rete che sarà in grado di navigare ad una velocità nettamente superiore rispetto a quella attuale, in modo da soddisfare al meglio le esigenze di ciascuno di noi.

I clienti stanno attendendo con fermento anche le nuove offerte che includeranno tale servizio, ma bisogna dire che ci sono alcuni operatori telefonici che si trovano un pò indietro con la programmazione del 5G.

 

Wind Tre e Fastweb insieme: nasce il patto ufficiale di collaborazione

Il riferimento in questo caso va a Wind Tre, la quale non ha iniziato la sperimentazione nelle città italiane del nuovo standard di connessione. La differenza c’è la mettiamo a confronto con Tim e Vodafone, i quali hanno già iniziato il loro percorso di sperimentazione in varie zone dell’Italia.

Leggi anche:  Huawei sta considerando di cedere la sua licenza 5G alle società americane

Per recuperare credito a proprio favore, Wind Tre ha deciso di collaborare con una grande società di telecomunicazioni, ovvero Fastweb. Le due società nei giorni precedenti hanno stipulato un accordo su durata di almeno dieci anni. Tale accorodo viene definito con il nome ‘patto ufficiale di collaborazione’.

In poche parole non si tratta di una fusione delle due società, le quali rimangono distinte, ma di una semplice collaborazione per poter creare una rete unica 5G. L’accordo prevede le seguenti condizioni: Wind Tre darà la disponibilità a Fastweb di accedere ai servizi roaming sulla rete attuale 4G mentre Fastweb consentirà alla joint venture di accedere alla fibra ottica FTTC FTTH.