nube radioattiva EuropaLe radiazioni non si vedono ad occhio nudo ma si percepiscono con effetti gravissimi sulla salute dell’uomo. Ciò che abbiamo imparato a nostre spese con l’episodio di Chernobyl dovrebbe fungere da monito per evitare che tragedie simili si ripetano.

Purtroppo potrebbe ancora avvenire a causa di una nube tossica incontrollabile scoperta in Europa nel settembre di due anni fa. Da allora è cresciuta la paura, che dopo le raccapriccianti scoperte dai 70 esperti incaricati di supervisionare la sostanza indesiderata ha lasciato il posto ad una sola considerazione: il pericolo è stato scongiurato..

 

Cosa ne pensano gli esperti della nube tossica che gira per i cieli in Europa

Tanto per dare un’idea precisa della situazione: gli scienziati hanno scoperto che i valori di Rutenio-106 sono cento volte superiori a quelli rilasciati dopo la deflagrazione del reattore 4 di Chernobyl. Un dato che, ad ogni modo, risulta accettabile solo se si tiene in considerazione l’isotopo in questione e non la sua intera struttura chimica.

Leggi anche:  Chernobyl: dalla foresta ai villaggi il terreno è altamente radioattivo

Nella fabbrica Caraibica di Majak, una delle centrali nucleari più grandi al mondo, sono stati scoperti valori di Rutenio-106 del tutto simili. La compagnia Rosacom si è difesa confermando che tali valori sono legati alla combustione di un satellite precipitato in zona. Tesi che, ad ogni modo, non convince le autorità.