Sarà capitato a tutti almeno una volta di prendere il proprio smartphone e sentirlo bollente; secondo le segnalazioni, si tratta di un fenomeno molto frequente e proprio per questo motivo che abbiamo deciso di effettuare delle ricerche per dare una spiegazione agli utenti. Un dispositivo mobile, può surriscaldarsi per diversi motivi:

  • Quando si trova in spiaggia oppure se riposto in un luogo molto caldo come per esempio, sul sedile di una macchina dove sbatte il sole;
  • Quando sono in funzione più applicazioni per un lasso di tempo consecutivo;
  • Se non è il caso dei primi due punti appena elencati, allora può trattarsi di un difetto di fabbrica.

Ecco cosa fare se lo smartphone si surriscalda

Quando ci sono le temperature molto elevate, dunque nelle giornate più calde e nella stagione estiva, capita spesso che i dispositivi si surriscaldano; si tratta di un fenomeno molto frequente nell’arco della giornata che può causare un rallentamento del dispositivo o, nei casi più gravi, lo spegnimento totale.

Leggi anche:  Smartphone in carica di notte: ecco quali sono i rischi da conoscere

Può anche capitare che lo smartphone non si trova in un luogo caldo ma si surriscalda comunque mentre è in suo; in questo caso, la causa può essere un’applicazione molto pesante in funzione perché le componenti elettroniche generano calore e lo smartphone tende a surriscaldarsi.

Il proprietario del dispositivo che si ritrova in una delle due situazioni deve chiudere tutte le applicazioni, spegnere il dispositivo in modo da farlo riposare e tenerlo in un luogo fresco; in questo modo, la temperatura tornerà normale e lo smartphone sarà pronto per essere riacceso e utilizzato.