Renault problema motore

Un nuovo scandalo ha coinvolto la nota casa automobilistica Renault, ma soprattutto 400 mila vetture e relativi proprietari. Secondo quanto emerso dalle maggiori indiscrezione, il produttore francese avrebbe montato sui suoi modelli e su quelli di terzi, un modello di motore fallato e che, per via dello stesso problema, porterebbe alla compromissione dello stesso. Questo per i proprietari, però, non sembra essere l’unico problema.

Renault: i suoi motori l’H5FT 1.2 benzina non sono né idonei né sicuri

A riportare per primo l’inchiesta è stato il mensile QueChoisir,  il quale ha affermato che il problema vero e proprio risiede nel consumo dell’olio. Attraverso dei veri e propri controlli, è pervenuto che proprio i motori di casa Renault ne fanno un uso spopositato e pericoloso in quanto potrebbe danneggiare l’intero complesso di componenti fino alla rottura medesima.  Come già riportato, inoltre, il problema non coinvolge solo le vetture di proprietà Renault, ma anche tutta quella serie di marchi che producono vetture montando su i medesimi componenti. Sono coinvolte finanche Dacia, Nissan e Mercedes.

Leggi anche:  Scandalo Renault: più di 4000 auto vendute sono difettose

Un secondo problema, però, si abbatte sui possessori delle 400 mila unità difettose: secondo quanto riportato da un comunicato stampa, Renault sembra stia scaricando il barile altrove. In particolare, tra le sue parole, si legge:

“ ..un consumo di olio… considerato superiore al normale consumo di un motore, può trovare la sua origine in diverse cause. Dall’ obsolescenza / usura, manutenzione casuale, qualità degli oli, tipi di tubi, ecc ”.

Concludiamo asserendo che gli eventuali danni arriverebbero a costare fino a diecimila euro di riparazioni.