intelligenza artificiale

La rinascita dell’IA negli ultimi anni ha portato molti a chiedersi come questa tecnologia possa aiutare con una delle maggiori minacce che l’umanità deve affrontare: il cambiamento climatico. Un nuovo documento di ricerca creato da alcuni dei più noti pensatori del settore si propone di rispondere a questa domanda, fornendo numerosi esempi di come l’apprendimento automatico possa aiutare a prevenire la distruzione umana a causa del clima.

I casi d’uso suggeriti sono vari, dall’uso di immagini AI e satellitari per monitorare meglio la deforestazione, allo sviluppo di nuovi materiali che possano sostituire acciaio e cemento (la cui produzione rappresenta il 9% delle emissioni globali di gas a effetto serra).

L’intelligenza artificiale non è la soluzione defiintiva, ma si rivelerà inestimabile

Tra le tante funzioni utili, spicca la visione artificiale per monitorare l’ambiente (utilizzare l’analisi dei dati per individuare le inefficienze nelle industrie pesanti per le emissioni), o usando l’intelligenza artificiale per modellare sistemi complessi, come il clima della Terra, così da prepararci meglio ai cambiamenti futuri.

Gli autori del documento, tra cui il CEO di DeepMind Demis Hassabis, il vincitore del premio Turing Yoshua Bengio e il co-fondatore di Google Brain Andrew Ng, affermano che l’intelligenza artificiale potrebbe essere “inestimabile” nel mitigare e prevenire gli effetti peggiori dei cambiamenti climatici, ma nota che non è un “proiettile d’argento” e anche l’azione politica è disperatamente necessaria.

“La tecnologia da sola non è sufficiente” scrivono gli autori del giornale, guidati da David Rolnick, un borsista postdottorato all’Università della Pennsylvania. “Le tecnologie che potrebbero ridurre i cambiamenti climatici sono disponibili da anni, ma non sono state adottate su vasta scala dalla società. Mentre speriamo che la ML sia utile per ridurre i costi associati all’azione per il clima, anche l’umanità deve decidere di agire “.