super batteria nokia

Nokia Bell Labs e Amber, il centro di ricerca su materiali avanzati e bio-ingegneria del Trinity College Dublin, hanno annunciato una nuova super batteria in grado di durare fino a due volte e mezzo l’attuale standard.

La nuova generazione di super batterie sarebbe così adatta allo sviluppo della connected society che sfrutterà la rete 5G. Saranno infatti moltissimi i dispositivi consumer e industriali connessi tramite il sistema dell’Internet of things. Sensori, droni, robot industriali, macchinari medici, automobili, smartphone e smartwatch saranno così sempre online generando volumi di dati enormi.

Grazie alle nuove super batterie miglioreranno anche le prestazioni delle reti energetiche su vasta scala che usano fonti rinnovabili. Queste reti diventeranno sempre più affidabili perché potranno contare su migliorate tecnologie di stoccaggio dell’energia in grado di rispondere ai flussi di domanda e offerta. Le batterie di nuova generazione potranno quindi gestire anche fluttuazioni elevate nell’immagazzinamento dell’energia da fonti rinnovabili ma intermittenti come il solare e l’eolico.

 

Smartphone 5G: ci pensa la super batteria di Nokia e Amber

La collaborazione tra Nokia Bell Labs e Amber è il fattore decisivo per la creazione di questa nuova super batteria. Come ha anche sottolineato Paul King, membro del Technical staff di Nokia:“Questo ci ha permesso di affrontare un problema complesso che richiede una soluzione interdisciplinare. “Aggiungendo più energia in uno spazio più piccolo questa nuova tecnologia per le batterie avrà un impatto profondo sul 5G e tutto il mondo connesso”.

Leggi anche:  Vecchi cellulari: alcuni possono valere anche 1000 euro

A King fa eco la dottoressa Lorraine Byrne, Executive director di Amber:“Mettere insieme gli scienziati legati sia al mondo accademico che a quello industriale per lavorare su un comune progetto di ricerca ha permesso un rivoluzionario avanzamento scientifico”.

Purtroppo non sappiamo nulla del funzionamento tecnico e dei processi che hanno permesso un tale risultato. Infatti, Nokia e Amber hanno già presentato domanda di brevetto per proteggere la loro tecnologia e portarla rapidamente sul mercato senza che qualcuno la rubi.