Un nuovo report rilasciato di recente afferma che il primo smartphone pieghevole Samsung, ossia Samsung Galaxy Fold, sarà disponibile per i consumatori a partire da luglio.

Il gigante della tecnologia sudcoreana ha inizialmente previsto il lancio del Galaxy Fold all’inizio di quest’anno. Tuttavia, il lancio è stato rinviato a causa di alcuni contrattempi con la spedizione dei display. La società ha deciso di posticipare il lancio per dare tutto il tempo necessario per risolvere eventuali problemi relativi alla corretta progettazione del dispositivo. In un’email inviata ai clienti, la società ha affermato che avrebbe annunciato la nuova data di lancio del dispositivo all’inizio del mese scorso. Eppure, l’azienda tecnologica non ha fornito una dichiarazione ufficiale.

Un report piuttosto affidabile dichiara che il Samsung Galaxy Fold sarà lanciato entro il prossimo mese, a luglio

Un nuovo report della Corea del Sud sostiene che, secondo un dirigente di Samsung Electronics, la società lancerà finalmente il Galaxy Fold a luglio. Tra l’altro, le settimane di ritardo del lancio hanno consentito all’azienda di ridisegnare il dispositivo per risolvere alcuni problemi critici riscontrati dai revisori. Un problema che ad esempio ha colpito il Galaxy Fold è la presenza di sostanze all’interno del dispositivo che hanno un impatto negativo sulle prestazioni del display.

Leggi anche:  Galaxy Fold, i problemi di Samsung sembrano essere finiti (forse)

A parte le modifiche apportate, il nuovo rapporto afferma inoltre che Samsung potrebbe lanciare un gioco esclusivo per Galaxy Fold in collaborazione con lo sviluppatore Nexon. Questo gioco, intitolato Traha, è un MMORPG e gli utenti della Corea del Sud possono ora installare l’applicazione sui propri dispositivi. Ricordiamo che gli sviluppi recenti evidenziano le difficoltà incontrate dai produttori di smartphone nel rilasciare telefoni con display flessibili. Ad esempio, lo scorso aprile sono emerse voci secondo cui anche Huawei avrebbe rinviato il lancio del suo smartphone pieghevole, l’Huawei Mate X, anche se la società ha negato con veemenza.