il 5G è il passato è ora del 6G

Il biennio 2019-2020 è e sarà un anno fantastico, ma non tanto per quello che accadrà realmente quanto per le aspettative che pervadono noi androidiani sull’arrivo della rete 5G. Quando sarà finalmente inaugurato, il 5G cambierà totalmente il modo di pensare la connettività di noi, degli oggetti intorno a noi di ciò che di essi potremmo farne.

Tanto entusiasmo eppure non basta a chi è sempre teso all’innovazione, ed è quindi plausibile che chi questo futuro così vicino lo ha già immaginato tempo fa stia pensando al prossimo step evolutivo nelle telecomunicazioni. Ebbene, in un angolo del mondo si sta già lavorando al 6G, ma non è una notizia così stupefacente per gli addetti ai lavori (per noi piccoli consumatori sì!). L’informazione proviene dai media cinesi e raccontano che China Mobile e Tsinghua University stanno collaborando per accelerare l’innovazione tecnologica verso il 6G.

 

5G già pronto a cedere il testimone al 6G in Cina?

L’accordo tra le due realtà cinesi prevede che una cooperazione ad ampio spettro sia nel settore scientifico che in quello di Ricerca&Sviluppo. I campi di applicazione saranno le future reti di telefonia mobile, la connessione di rete industriale, l’intelligenza artificiale e altri settori che assumeranno un ruolo chiave grazie alla tecnologia 6G.

Per portare a compimento un’impresa così massiva, i media cinesi riferiscono che sarà aperto un istituto di ricerca congiunto per studiare tecnologie, soluzioni e prodotti atti a promuovere la trasformazione tecnologica. E il personale esperto non manca di certo, poiché si dice che China Mobile possa contare su un team di ricerca e sviluppo di oltre 10.000 persone e che il budget annuale a disposizione per i settori scienza e tecnologia va oltre i 2,5 miliardi di euro.

Ovviamente, meglio goderci per ora l’aspettativa della rete 5G di là da venire. È presto per fare previsioni su quando vedremo il 6G e le sue potenzialità infinite, ma non passerà molto tempo prima che se ne torni a parlare.