truffa rimborso canone rai agenzia delle entrate

Poiché siamo ormai prossimi alla scadenza della prima tranche del canone RAI, alcuni cybercriminali stanno diffondendo false email intestate all’Agenzia delle Entrate per frodare i dati delle carte di credito degli utenti tramite il phishing.

Scoperto dagli esperti di cyber security dell’agenzia governativa CERT-PA (Computer Emergency Response Team – Pubblica Amministrazione), la mail contenente il tentativo di estorsione sembra indirizzata verso caselle di posta di Pubbliche Amministrazioni e società private. I messaggi della finta Agenzia delle Entrate sono inviati da un indirizzo falso ma in tutto e per tutto simile a quello del Fisco.

 

Rimborso RAI: torna la truffa che svuota il conto degli italiani

Nell’oggetto della mail fraudolenta troverete la dicitura “Richiesta di rimborso del canone TV addebitato nelle fatture elettriche”. Dopo la spiegazione dell’errore del calcolo automatico del sistema che vi ha costretto a versare una cifra superiore al dovuto, l’utente viene invitato a procedere con la richiesta di rimborso di 14,90 euro cliccando su un link che sembra affidabile.

Ovviamente, la pagina che risponde al collegamento da voi aperto sembra identica a una di quelle dell’Agenzia delle Entrate. A questo punto per portare a termine l’operazione di phishing, vi verrà dunque chiesto di compilare un modulo online con i vostri dati e quelli della carta di credito.

Non è la prima volta che i criminali del web utilizzano nome, loghi e layout dell’Agenzia delle Entrate, sfruttando il canone Rai per truffare gli utenti. CERT-PA se ne è subito accorta della truffa corrente perché l’anno scorso c’era stato un tentativo analogo.