pesci-mar-morto

Nei testi religiosi si fa spesso riferimento ad un ipotetica fine del mondo. Questo accade anche nella Teoria di Ezechiele contenuta nella Genesi. In questo caso però sembrerebbe trovare un riscontro nella scoperta di un noto fotoreporter israeliano. Noam Bedein, da anni impegnato nello studio del Mar Morto per il progetto “Dead Sea Revival Project” avrebbe fatto una scoperta sensazionale. Dalle sue foto si osservano alcuni pesci nuotare all’interno del noto bacino salato.

Questa scoperta risulta ben differente da quella del 2011 in cui furono rinvenuti solo alcuni batteriestremofili” all’interno del Mar Morto. Non è infatti atipico che queste forme di vita riescano ad adattarsi ad una salinità del 37%. Risulta però assurdo che organismi viventi complessi come pesci e piante siano riusciti ad adattarsi a queste difficili condizioni.

Pesci nel Mar Morto: la conferma della fine del mondo di Ezechiele

All’interno della Bibbia sarebbero presenti moltissimi episodi che parlano dell’area attualmente occupata dal Mar Morto. Per compiere la nostra disamina, approfondiremo alcuni passaggi della Genesi, libro contenuto all’interno del testo sacro. All’interno della sacra scrittura la regione dove sorge il lago salato sarebbe descritta come un oasi fertile, ricca di forme animali e vegetali. Immagine in completa contrapposizione a come noi la conosciamo oggi.

Leggi anche:  Pesci nel Mar Morto: novità sulla teoria di Ezechiele sulla fine del mondo

Leggendo in particolar modo il capitolo 19, possiamo intuire le cause di mutazione dell’aerea. Il cambiamento sarebbe riconducibile alla distruzione di Sodoma e Gomorra. In particolare si legge quanto segue:

“ Allora Lot alzò gli occhi e vide che tutta la valle del Giordano era un luogo irrigato da ogni parte..prima che il Signore distruggesse Sodoma e Gomorra..era come il giardino del Signore, come il paese d’Egitto, fino ai pressi di Zoar ”.

Nel capitolo 47 invece, viene spiegata la corrispondenza tra l’episodio e i dissesti idro-geologici del Mar Morto. A seguito di questa scoperta e di queste “coincidenze” inequivocabili, sono nati nuovi ed accesi dibattiti religiosi. Ezechiele afferma inoltre che la fine del mondo sarebbe in qualche modo collegata al ritorno dei pesci nel lago salato.