riot

Più di 150 impiegati alla Riot Games hanno organizzato un walkout ieri. Al di fuori degli uffici di Los Angeles di Riot, i lavoratori si sono riuniti per protestare contro le politiche della compagnia sugli arbitrati forzati con segni e discorsi a sostegno dei loro colleghi.

L’anno scorso, Kotaku ha pubblicato un ampio rapporto che dettagliava una cultura sessista all’interno di Riot. I dipendenti ora denunciano la società per discriminazione di genere. Riot sta tentando di costringere due di queste donne ad arbitrare, una mossa che le impedirebbe di intraprendere azioni legali e invece le imporrà di passare attraverso un sistema privato. Come notato dal nostro sito gemello Vox, l’arbitrato forzato è a favore dei datori di lavoro perché “consente alle società di nascondere la cattiva condotta che altrimenti sarebbe resa pubblica in tribunale“. Gli arbitri hanno anche maggiori probabilità di andare a favore dei datori di lavoro.

Leggi anche:  Disney+ arriverà presto in Europa per competere con Netflix

 

Non è la prima volta che succede

Una protesta contro il potere a favore dei lavoratori a sostegno dei problemi del lavoro. “Vogliamo dimostrare che in questo settore che il vero cambiamento può venire solo quando i collechi si sostengono l’un l’altro, bisogna condividere rispetto reciproco e sviluppare profondi rapporti di cura e sostegno sul posto di lavoro“, ha affermato Game Workers Unite International, in una dichiarazione pubblica. “Esiste una lunga storia di persone, persone normali, che hanno combattuto contro le industrie del gioco, della tecnologia e dell’intrattenimento.”

C’è da dire inoltre che queste dichiarazioni forti  hanno funzionato in alcuni casi. L’anno scorso, decine di migliaia di dipendenti di Google hanno partecipato a uno sciopero per protestare contro la cultura del sessismo della compagnia. A febbraio, Google ha detto che avrebbe posto fine alla sua politica di arbitrato forzato.