huawei-vodafone-backdoor700x400
Recentemente, Bloomberg ha riferito che Vodafone Telecom, il più grande operatore in Europa, ha dichiarato di aver trovato delle backdoor nascoste nelle apparecchiature Huawei che aveva acquistato. Ha anche detto che attraverso queste backdoor, Huawei può accedere alla rete via cavo di Vodafone senza autorizzazione.

Successivamente, Huawei ha ufficialmente risposto ai media. Ha affermato che il rapporto di Bloomberg era “fuorviante” e che la storia “si riferisce a una funzione di manutenzione e diagnostica, comune in tutto il settor. Non vi è assolutamente alcuna verità nel suggerimento che Huawei nasconda le backdoor nelle sue attrezzature. ”

Huawei nega assolutamente la presenza di una backdoor

Huawei sottolinea che questa è una vulnerabilità del software piuttosto che una backdoor. “Questi sono errori tecnici dei nostri dispositivi. Dopo essere stati identificati e corretti, la definizione riconosciuta di “backdoor” è una vulnerabilità costruita volutamente. che può essere sfruttata. Queste vulnerabilità non sono il caso, i loro rapporti sono sbagliati. ”

Leggi anche:  Vodafone, non solo 5G: ecco un importante servizio internet per i clienti

Un portavoce di Huawei ha dichiarato: “Le vulnerabilità del software rappresentano una sfida per l’intero settore. Come ogni fornitore di ICT, abbiamo un processo ben sviluppato. Quando viene rilevata una vulnerabilità, lavoriamo a stretto contatto con i nostri partner per intraprendere le azioni correttive appropriate. ”

I problemi software trovati da Vodafone sono già stati risolti

I problemi scoperti da Vodafone sono già stati risolti. Huawei si è data da fare nel 2011 e nel 2012. Vodafone lo ha confermato. Tuttavia, alcuni affermano che questa non è la prima volta che Bloomberg tenta di “ingannare” il mondo tecnologico.

Nel suo articolo pubblicato il 4 ottobre 2018, si diceva che i cosiddetti “hacker cinesi” avevano impiantato microchip nei grandi server delle società statunitensi. Ora, quando molti paesi europei hanno cercato di allentare la propria posizione, ci sono tutte le ragioni per pensare che Bloomberg stia speculando maliziosamente su alcune questioni storiche in momenti delicati.