Avere una batteria che si consuma troppo velocemente, ormai, è all’ordine del giorno. A quanto pare, infatti, più le batterie diventano capienti, più si scaricano velocemente. Anche se non è il principale problema, una fonte di consumo energetico risiede anche nei colori delle applicazioni. E’ risaputo, infatti, che colori più accesi tendono a consumare molto di più la batteria. A differenza, invece, utilizzare applicazioni in cui prevale il nero, incide molto pù di quanto si pensi sulla durata della batteria dato che i display AMOLED degli smartphone di ultima generazione, per rappresentare il nero, spengono completamente i pixel risparmiando molta batteria.

E’ proprio su questo principio. quindi, che si basa l’ultimo aggiornamento del principale browser usato sui dispositivi Android e non, ovvero Google Chrome. In fase di testi, infatti, con la versione 73 dell’applicazione, Google ha introdotto per la prima volta la Dark Mode. Scopriamo di seguito i dettagli.

Leggi anche:  Huawei, arriva il primo smartphone con HongMeng OS al prezzo di 250 euro

Google Chrome: risparmiare batteria diventa semplice

Non si sa bene il perché ma, a tutti gli effetti, Google ha tardato, e non poco, sul rilascio del tema scuro. Suona strana la cosa poiché, specialmente con l’arrivo di Android Q, la modalità scura pare proprio essere al centro di tutte le applicazioni del sistema operativo di Google.

Nonostante il ritardo, l’attivazione del tema scuro non è neanche molto semplice. Per farlo, infatti, bisognerà inserire nella barra di ricerca il seguente codice: chrome://flags . Una volta aperta la pagine dovrete cercare la voce “Android Chrome UI dark mode” e cambiare il parametro da “default” “enabled”. 

Dopo aver effettuato questo passaggio basterà riavviare il Browser, andare nel menu impostazione e attivare la Dark Mode sotto la voce “Temi” o la voce “Dark Mode”