5G estinzione

Anche in Svizzera, il 5G è stato acceso dopo l’ok della Federal Office of Communications. La rete è attiva in tutte le principali aree della nazione, al punto che gli svizzeri sono il terzo popolo al mondo ad averla già conforme agli standard.

Ma riguardo ai pericoli delle radiazioni elettromagnetiche diffuse dal 5G, fu proprio la stessa Svizzera ha chiedere alla comunità medico-scientifica di stabilire con certezza che la nuova rete non fosse un pericolo per la salute. Il Canton Vaud è salito recentemente alla ribalta mediatica proprio per aver bloccato un antenna 5G nel suo territorio, ottenendo in cambio una promessa dal governo centrale di ulteriori analisi.

Il 5G è una tecnologia nuova che nessuno può assicurare sia completamente innocua, viste le onde ad alta densità e potenza usate nelle città. In assenza di dati scientifici, le persone pensano a cosa può succedere quando esposti per lungo tempo a questo tipo di elettrosmog. Secondo i più recenti rapporti, una maggioranza di cittadini svizzeri teme potenziali danni causati dalle radiazioni cellulari.

A peggiorare il clima ci hanno pensato vari attivisti convinti che il 5G porterà all’estinzione della razza umana nel giro di sette anni, a causa della infertilità sessuale.

Leggi anche:  5G: quali saranno le possibili tariffe di Tim, Vodafone, Wind e Iliad

 

5G: aumentano i timori per le frequenze usate da Tim e Vodafone

Esistono tre frequenze di trasmissione del 5G, ma le preoccupazioni maggiori vengono da quegli spettri di banda mai utilizzati nella telefonia mobile. La densità dei segnali ad alta frequenza favorirà proprio il mondo super del 5G: la connessione dei milioni di dispositivi IoT, lo sviluppo di automobili a guida autonoma, le smart city e i sistemi robotizzati.

Un così alta densità di segnale che circonderà l’intero pianeta, trasmettendo sulle stesse frequenze del microonde. Per quanto assurdo possa sembrare, non ci rassicura di certo l’essere esposti a una “cottura” del genere. Allo stesso modo, ci si chiede come mai i produttori di smartphone e varie agenzie governative diffondono consigli su come usare i device senza tenerli troppo attaccati al corpo. Gli stessi enti e aziende che sostengono che la rete 4G e 5G sono sicure.

Forse è ora che chi di dovere fornisca una risposta esaustiva sull’effettivo pericolo dell’elettrosmog generato dalle reti 5G del prossimo, presentissimo, futuro.