2018-nissan-gt-r-nismo-exterior-la-prossima-ibrida

La Nissan GT-R di prima e seconda generazione fu venduta per quattro anni, dal 1969 al 1973. Le generazioni da R32 a R34 coprirono 13 anni, dal 1989 al 2002. Molto è successo negli ultimi dodici anni, quindi possiamo aspettarci enormi cambiamenti dalla prossima GT-R.

Top Gear ha parlato con Philippe Klein, chief planning officer di Nissan, riguardo a cosa c’è nelle carte. Un powertrain ibrido non è sorprendente, come si dice da anni. La guida autonoma, in particolare la guida in pista autonoma, non è qualcosa di sorprendente.

La prossima GT-R sarà speciale, ma non sarà economica

Klein ha detto allo sbocco: “Stiamo difendendo l’auto sportiva”, intendendo non solo la GT-R e l’auto Z invecchiata, ma tutto il segmento. Le sfide in tal senso sono costantemente documentate, tutti i problemi principali sono i soliti casi aziendale: alti costi di sviluppo, vendite basse, normative più severe sulle emissioni.

Leggi anche:  Tesla promette ben un milione di robo-taxi nel 2020

“Alla fine vorremmo che i regolamenti non avessero nulla a che vedere con quanto è divertente guidare la macchina.” L’accordo finale non è stato deciso, ma Klein ha detto: “Stiamo ancora lavorando sodo su diverse opzioni”.

Come giustamente sottolinea TG, l’elettrificazione potrebbe aiutare la GT-R a fare ancora meglio nella sua proposta di vendita unica. Il coupé è già pesante, già pianificato nella prossima generazione per essere “il mattone più veloce del mondo”.

Mettere un motore elettrico sull’assale anteriore per il vettorizzazione di coppia semplificherebbe le cose, e dato un dosso di potenza per compensare il peso della batteria, chi noterà altri 200 sterline su una GT-R?  Tutto quello di cui parla Nissan sta trasformando Godzilla in Mechagodzilla..