Facebook

L’anno scorso la piattaforma guidata da Mark Zuckerberg, Facebook ha dovuto fare i conti con tantissimi scandali sulla privacy, che hanno portato moltissimi utenti ad abbandonare la piattaforma. Uno tra tutti Cambridge Analytica, seguito dal Russia Gate senza dimenticare lo scandalo sulle elezioni presidenziali degli Stati Uniti.

La piattaforma negli ultimi mesi è stata abbandonata da moltissimi giovani, che a lei hanno preferito altri social come Instagram e Snapchat. Quest’ultimo infatti nelle ultime settimane è stato molto rivalutato. Oggi parliamo del sorpasso di YouTube ai danni della piattaforma blu.

 

YouTube supera Facebook negli accessi

Sappiamo tutti molto bene che le due piattaforme in questione offrono due servizi completamente diversi, nonostante questo però, si danno da sempre battaglia in Italia e nel resto del mondo per il numero di accessi. Oggi vogliamo dirvi che, a sorpresa, la piattaforma di Google ha chiuso il 2018 con dei numeri che nessuno si aspettava, superando Facebook, anche se di poco.

La notizia è arrivata da Vincenzo Cosenza, esperto di social media. Quest’ultimo dopo un’analisi dei dati, forniti da Audiweb powered by Nielsen ha pubblicato un post in cui parla dei numeri di accessi di YouTube e di Facebook. YouTube ha registrato a dicembre dello scorso anno, 35 milioni di accessi, contro i 34.958.00 di Facebook. Il terzo posto è andato ad Instagram seguita da Linkedin, Pinterest, Twitter, Tumblr, Snapchat e TikTok.

Leggi anche:  Facebook nei guai: oltre 146GB di dati esposti al pubblico su un server di Amazon

YouTube ha raggiunto la prima posizione ma nonostante questo Facebook può contare ancora sul più alto numero di utenti attivi, 31 milioni. Pensate che quest’ultimo è la piattaforma dove gli utenti spendono di più il proprio tempo, circa 14 ore al mese. YouTube, su questo piano, si aggiudica “solamente” 5 ore e 20 minuti per utente al mese. Una piattaforma da non sottovalutare è Instagram, che a dicembre 2018 ha raggiunto i 24.4 milioni di accessi in Italia, segnando un aumento del 61% rispetto lo stesso periodo dell’anno scorso.