Effettuare delle ricerche online è una prassi che fa parte della vita di ogni persona. Ogni giorno, infatti, sono migliaia i dubbi che vengono ricercati sui maggiori browser in circolazione… e tra questi figura Google Chrome.
Sebbene con gli smartphone l’uso del browser dal computer sia diminuito notevolmente, ancora vi sono utenti che utilizzano questa modalità e non sempre fila tutto liscio come l’olio. Sebbene l’applicazione sviluppata da Google sia una delle preferite dagli utenti di tutto il mondo, a Chrome può capitare di incepparsi e andare a rilento.
Anche a voi sta capitando tutto questo? Beh, ecco qualche consiglio con cui far rinascere il browser.

Google Chrome: farlo scattare come una saetta è più semplice si quanto immaginato

Se il vostro Chrome va un po’ a rilento, la prima cosa che bisogna controllare è se ci sia bisogno di un aggiornamento. Molti utenti, infatti, sono ignari che anche la versione desktop abbia bisogno di upgrade e non effettuano mai questa operazione. Per sapere se avete la versione più recente dovrete: aprire le impostazioni > fare click su guida > Informazioni su Google Chrome.

Leggi anche:  Google permetterà di scegliere tra più browser all'avvio di Android

La seconda mossa da eseguire consiste nel liberare il vostro browser da tutte le estensioni scaricate nel corso del tempo e che ora non vengono più utilizzate. Per effettuare quanto detto dovrete: aprire le impostazioni (i tre puntini in altro a destra) > cliccare altre impostazioni > selezionare estensioni > rimuovere quelle indesiderate dalla lista presente.

Terze, ma non per importanza, sono le schede. Navigare online e tenere più di tre schede aperte sembra essere l’abitudine preferita degli utenti… beh, abbiamo una notizia negativa per voi! Sebbene Google Chrome vi faccia aprire quante più schede voi vogliate, averne tante significa appesantire il sistema con dati inutili e soprattutto riempire la RAM senza alcun motivo. Ricordate: less is more... cercate di non sovraccaricare il vostro browser inutilmente!