Basta un semplice sì per ritrovarsi col portafoglio svuotato e con conti che non quadrano a fine mese. La truffa telefonica del momento cerca di estrapolare la parolina magica per poi attivare, ad insaputa del malcapitato, servizi aggiuntivi sul suo numero di telefono, o addirittura un pacchetto tariffario completamente nuovo.

Truffe telefoniche: ecco come un semplice “sì” può svuotarti il portafoglio

Il fenomeno delle chiamate spam colpisce milioni di italiani ogni giorno, e sempre più spesso molti clienti vengono truffati dagli operatori di Call center che si spacciano per addetti di fornitori di energia elettrica, gas, servizi bancari o gestori telefonici. Tutto ciò di cui gli operatori malintenzionati hanno bisogno per realizzare l’ennesima truffa è un banalissimo ; questo, poi, verrà sottoposto ad una fase di montaggio ed usato a discapito dell’utente per la sottoscrizione a servizi e ad abbonamento a pagamento non richiesti.

In questo caso, i truffatori cercheranno di estrapolare quante più informazioni personali possibile – e soprattutto la parolina magica – ponendo al cliente domande semplici e mirate, in modo tale che quest’ultimo possa rispondere con un sì o con un no. La risposta dell’utente, insieme alle sue informazioni personali, verranno poi riutilizzate in un contesto completamente differente, per esempio per l’attivazione di abbonamenti premium non richiesti di cui spesso e volentieri il cliente non riesce neppure a rendersene conto in tempo, ed è così che ci si ritrova con le tasche svuotate.

Leggi anche:  Truffe call center: le principali vittime sono i clienti Tim, Wind Tre e Vodafone

Truffe telefoniche: è possibile proteggersi dai tentativi di scam?

Difendersi dai tentativi di truffe telefoniche da linea fissa può risultare piuttosto complicato, proprio perché non esiste alcun servizio che permette di bloccare la ricezione di chiamate da numeri indesiderati. Tuttavia, si può cercare di rispondere alle domande poste dagli operatori con risposte più generiche, ed evitare dunque di pronunciare il sì o il no. Risulta invece molto più semplice difendersi dai tentativi di scam da linea mobile, proprio perché esistono diverse applicazioni scaricabili sul proprio smartphone che permettono di rifiutare automaticamente la ricezione di chiamate da parte di numeri indesiderati, sconosciuti, anonimi o privati (clicca qui per scoprire le app migliori). In questo modo, la telefonata verrà automaticamente deviata alla segreteria telefonica, per cui l’utente non riceverà alcuna chiamata da parte del call center di turno.