Nextdoor, l'app per i vicini di casa

Dopo quattro mesi dal lancio in Italia, Nextdoor, la prima e più utilizzata app per vicini di casa, continua la sua crescita inarrestabile in tutta la Penisola. Ad oggi l’app è usata in 132 città italiane, con un aumento significativo in termini di quartieri attivi, da 350 a oltre 1200. Tra questi i 40 quartieri più grandi contano più di 200 membri ciascuno.

Da Nord a Sud, sono molte le città italiane che hanno intuito il potenziale della piattaforma: a Milano stanno usando l’app 241 quartieri, ossia il 90% del totale; a Roma i quartieri sono più di 352, pari al 62% della capitale. Per quanto riguarda Bari, Torino e Bologna, i quartieri attivi su Nextdoor sono rispettivamente il 91%, l’88% e l’80%.

Amedeo Galano, Head of Community di Nextdoor per l’Italia ha commentato: “negli ultimi quattro mesi ho avuto modo di incontrare tanti utenti in varie città italiane, constatando in prima persona come numerose comunità siano già riuscite ad organizzare iniziative di successo grazie all’aiuto di Nextdoor”.

Lo scopo di questa piattaforma è supportare le realtà locali a raggiungere i propri obiettivi, così come migliorare la qualità di vita del vicinato, rendere i quartieri più sicuri o mantenere le strade e i parchi della zona puliti. Nextdoor fornisce ai vicini italiani uno strumento all’avanguardia, una vera e propria “piazza digitale”.

Leggi anche:  Facebook: Zuckerberg ha ammesso che ci vorranno anni per risolvere i problemi

Uno spazio dove connettersi, condividere idee e organizzare attività nella vita reale, che si tratti di chiedere consiglio per trovare una babysitter, organizzare una cena, o incontrare i propri vicini per discutere di iniziative volte a migliorare la vita di quartiere.

 

Nextdoor, come i vicini italiani entrano in contatto per migliorare i propri quartieri

Su Nextdoor i membri utilizzano il loro vero nome e gli indirizzi sono verificati all’iscrizione. Alle conversazioni possono partecipare solo i membri verificati che risiedono nello stesso quartiere e l’accesso è protetto da password. I contenuti condivisi dai vicini, così come i loro dati personali, non possono essere trovati tramite Google o i social.

Gli utenti possono utilizzare la piattaforma accedendo da desktop al sito ufficiale oppure scaricando l’applicazione per i loro smartphone Android o l’applicazione per dispositivi iOS. Il download dell’applicazione ed il suo utilizzo è completamente gratuito.

Nextdoor, l'app usata per organizzare tornei nei vicinati