Google ha in questi giorni cominciato a rilasciare un aggiornamento per l’applicazione Messaggi che introdurrà importanti novità. Prima tra tutte, l’implementazione dell’attesissimo filtro anti-spam grazie al quale gli utenti potranno adesso bloccare automaticamente la ricezione di SMS ed MMS inviati da numeri indesiderati, servizi di telemarketing e call center.

Android Messaggi si aggiorna: arriva il filtro antispam per bloccare i call center di Vodafone, Tim, Wind e 3 Italia

L’aggiornamento dell’app Messaggi – il servizio di Google che si occupa della gestione, dell’invio e della ricezione di messaggi di testo e multimediali e che viene installato su tutti i dispositivi Android – non è stato ancora rilasciato ufficialmente. Al contrario, questo è stato per il momento reso disponibile solo ad un gruppo di utenti piuttosto limitato, tra cui rientrano anche i ragazzi di Android Police.

Tra le funzioni introdotte dall’aggiornamento, si segnala in modo particolare l’introduzione del filtro anti-spam grazie al quale gli utenti potranno finalmente difendersi dalla mole di messaggi spam inviati, per esempio, dai Call Center di Vodafone, Tim, Wind, 3 Italia o qualsiasi altro operatore telefonico. Il filtro anti-spam, una volta abilitato dall’utente nell’area impostazioni dell’app Messaggi, inizierà ad analizzare tutti gli sms e gli mms ricevuti e a bloccare automaticamente la ricezione di comunicazioni da parte di numeri spammers. O ancora, sarà possibile per l’utente segnalare personalmente numeri indesiderati dai quali si preferisce non essere contattati via sms, e poter in questo modo bloccare la ricezione di messaggi da parte dei numeri segnalati nella blacklist.

Ancora poco chiaro, però, il tema privacy, in quanto ci sono ancora dubbi sul come l’applicazione memorizzerà i numeri di telefono per poter identificare gli spammers. Secondo quanto riportato da un portavoce di The Verge, Google memorizza temporaneamente i numeri delle persone che inviano e ricevono messaggi con l’utente, nonché la frequenza con la quale ciò avviene. Ma rassicura gli utenti affermando che Google non memorizzerà il numero di telefono dell’utente in questione, tanto meno il contenuto dei messaggi.