WhatsApp: per Natale si ritorna a pagamento, utenti nel panico totale

WhatsApp durante il periodo natalizio servirà moltissimo agli utenti, soprattutto per inviare auguri in maniera rapida. Un’applicazione del genere ha infatti cambiato tutto nel mondo delle comunicazioni, mettendo gli utenti in condizione di avere il top gratuitamente.

L’applicazione infatti per ora non ha nessun costo, e concede tutte le funzioni ugualmente a tutti gli utenti ogni giorno. Tempo fa però la piattaforma era a pagamento, con una piccola tassa da 0,89 euro ogni anno da pagare. Le cose sono in seguito cambiate con WhatsApp che è diventata totalmente gratuita anche al fine di attrarre ancora più utenti in giro per il mondo.

 

WhatsApp, ritorna il messaggio che parla di un nuovo pagamento annuale a partire dal prossimo anno, cosa sta succedendo?

Sono cambiate tantissime cose durante questi anni su WhatsApp, ma non gli utenti che hanno infatti deciso di farne uno dei loro perni principali. Come abbiamo detto, il periodo natalizio potrà essere sfruttato al meglio in termini di messaggi di auguri grazie alla piattaforma, ma non è tutto qui.

Leggi anche:  WhatsApp: da oggi non è più disponibile su questi smartphone, utenti nel panico

C’è sempre purtroppo da fare i conti con le tante truffe che girano nella chat grazie agli utenti stessi. Le catene di Sant’Antonio infatti hanno diffuso per l’ennesima volta un messaggio che ha gettato nel panico la clientela. Stando a quanto riportato dal testo, come ci hanno segnalato alcuni utenti, si parla di un ritorno a pagamento a partire dal 1 Gennaio.

In tanti hanno poi continuato a leggere osservando che grazie a un link è possibile pagare 5 euro una sola volta per non pagare poi mai più. Questo messaggio ha la peculiarità di aver portato sia una bufala che una truffa insieme. La bufala è ovviamente che WhatsApp ritornerà a pagamento, dato che la piattaforma non ne ha alcuna intenzione.

La truffa invece è quella che induce gli utenti a pagare 5 euro. Non essendoci il ritorno a pagamento, non esiste neanche un pagamento unico da sostenere, per cui i vostri soldi andranno nelle mani di altre persone.