5GSiamo ancora qui a parlare di rete 5G. Un argomento che ci accompagnerà per parecchi anni tra alti e bassi dovuti a costi e servizi. Si tratterà indubbiamente di qualcosa di unico. Nessun limite di traffico, zero ritardi, massima connettività pubblica e privata nei contesti domotica, IoT, IoV e streaming, più sicurezza. Insomma, un cambiamento epocale.

Ciò che però non si dice sul network 5G è ben altro. Una chiara anticipazione del cambiamento è stata data dall’amministrazione Huawei, che tramite il suo portavoce Ken Hu, Huawei’s rotating chairman, ha chiarito la posizione dei provider in merito al nuovo servizio di rete. Sarà qualcosa di rivoluzionario, questo è sicuro.

 

Connessione 5G: sarà speciale per gli utenti TIM, Vodafone, Wind e Iliad

Cambia l’approccio alla connettività con un 5G che naviga ancora in acque molto agitate. Le ultime stime sulla velocità lasciano spazio ad alcuni dubbi, senza parlare poi del cruccio del costo sugli abbonamenti e dei surplus economici per poter accedere alla rete. Sarà costosa ma ugualmente vantaggiosa.

Ciò che si legge dalle dichiarazioni della compagnia cinese a proposito della nuova infrastruttura lascia trasparire un gap evolutivo importante rispetto all’attuale soluzione 4G.

Leggi anche:  Addio attesa per il 5G: arrivano le prime offerte di Vodafone

“La vera rivoluzione è nel cambio di paradigma: adesso un qualsiasi oggetto è offline di default e bisogna metterlo online; quando il 5G sarà una realtà, qualsiasi oggetto sarà online per definizione e, al limite, bisognerà metterlo offline. La tecnologia 5G è molto più robusta di quella 4G da un punto di vista della sicurezza e fornisce molte funzioni in più”.

Cambia quindi l’approccio al “Plug&Play” che si trasforma in qualcosa di veramente unico. Il cosiddetto ‘Plug & Think’ sostituisce l’idea di connettività tradizionale. Tutto sarà online per impostazione predefinita. Non ci sarà bisogno di connettere smartphone, gadget, TV e quant’altro alla rete. Prima vai online e poi ci pensi sopra. Sostanzialmente è questo il nuovo paradigma.

Una concezione di connettività che va ben oltre l’idea imposta nell’ultimo decennio. La rete si trasforma diventando un tutt’uno con le necessità degli utenti. Un ambiente totalmente cloud-based governato da potenti algoritmi intelligenti basati su reti neurali tecnologicamente avanzati.

Intanto c’è chi guarda oltre e prospetta il 6G entro il 2030. Stiamo andando troppo oltre? Voi che ne pensate? Esprimetevi.