Quando si sottoscrive un contratto, con un qualsiasi gestore telefonico, è importante, verificare con attenzione ogni dettaglio e clausola presente; ogni contratto, potrebbe prevedere, delle rimodulazioni relative ad un possibile aumento del prezzo.

Da qualche mese, i consumatori discutono molto, sugli aumenti dei piani tariffari subiti dai gestori Wind, Tim, Vodafone e 3 Italia, che applicano sia su rete mobile che fissa.

Tariffe TIM

I clienti Tim, dovranno aspettarsi qualche aumento di tariffe, a secondo delle promozioni in possesso; subiranno un aumento di 2,50 Euro mensili, i clienti che possiedono la tariffa: voce senza limiti, Tutto senza limiti, Tutto, Tutto voce, Tim smart, Smart e Internet senza limiti.

I clienti che subiranno la diminuzione di 1,00 Euro, devono possedere, una delle seguenti tariffe: TuttofibraTuttofibra Plus Internetfibra.

Gli utenti Tim che hanno intenzione di recedere dal contratto, potranno farlo, specificando come causale “Modifica delle condizioni contrattuali”.

Tariffe Wind

Anche l’operatore arancione, ha in serbo per i suoi clienti, un aumento di 2,00 Euro assieme ad un aumento di Giga per i clienti che hanno una delle seguenti tariffe:

  • All Inclusive Big 550, subirà un aumento di 2,00 Euro e i 2 Gigabyte inclusi diventeranno 10.
  • Wind Smart, subirà un aumento di 2,00 Euro e i 7 GB inclusi diventeranno 30.
Leggi anche:  Vodafone: i consumatori sono stupiti dai nuovi prezzi e tariffe proposte

Anche qui, Wind, da’ il diritto del recesso dal contratto, senza penali o costi di disattivazioni.

Tariffe Vodafone

Il sito ufficiale di Vodafone, pubblica un comunicato ufficiale, avvertendo i clienti:

“Ogni piano tariffario con abbonamento subirà un aumento del canone mensile di 3 euro in modo da consentirci di continuare a garantire un ottima qualità dei servizi legata ai nostri investimenti sulla rete”.

Anche in questo caso, i clienti Vodafone, dovranno attuare lo stesso sistema dei clienti Tim, per recedere dal contratto: i clienti, intenzionati a recedere, dovranno specificare come causale “Modifica delle condizioni contrattuali”.