Wind 3 Italia 30 GIGA

Wind 3 Italia ha pubblicato i risultati del bilancio del terzo trimestre 2018 riportando un crollo dei ricavi significativo. La concorrenza di Iliad e altri problemi dell’operatore hanno portato quasi un -15% sui ricavi, mentre il numero di clienti persi è di 900.000 unità solo nel corso dell’ultimo trimestre.

Questi dati sono stati svelati dal Financial Times il quale ha analizzato le prestazioni dell’operatore Wind 3 Italia in un articolo. Nel pezzo si fa esplicitamente riferimento all’ingresso nel mercato di Iliad come una delle principali responsabili del crollo. Dati ancora più gravi rispetto agli altri operatori di settore, poiché Tim e Vodafone hanno contrasta le politiche aggressive di Iliad grazie ai loro secondi brand virtuali.

Oltre al Q3, Wind 3 ha un trend negativo nell’anno

Ricevendo i dati dell’ultimo trimestre, Wind 3 ha visto i suoi ricavi annuali ridursi del 11%. La perdita lorda del Q3 è di 351 milioni di euro, mentre i ricavi da servizi sono ulteriormente scesi del 14,6%. Attualmente, Wind Tre ha 27,7 milioni di clienti e ha sofferto una perdita di 900.000 utenti nel corso del trimestre.

Leggi anche:  Iliad non è solo low cost: il provider offre 3 servizi esclusivi a tutti

A pesare sulla situazione ci ha pensato anche l’ingente investimento sulle infrastrutture di rete, i cui costi di integrazione delle precedenti reti disgiunte degli operatori sono ancora molto alti. Il debito complessivo dell’azienda facente parte della holding CK Hutchinson si attesta a quota 9,5 miliardi di euro. In questa cifra enorme è ricompreso anche l’imponente esborso di 517 milioni di euro che Wind 3 ha messo sul tavolo del MiSE quando ci fu l’assegnazione delle frequenze 5G all’asta in settembre.

In un’ottica di risanamento, si pensa che già per questo Natale il settore retail dell’operatore dovrà fare gli straordinari per offrire delle tariffe utili a riavvicinare l’utenza persa.