microplastici

Secondo quanto riportato da uno studio scientifico, esiste un grosso problema di fondo quando la gomma frena sull’asfalto: le microplastiche.

Gli scienziati hanno analizzato più di 500 piccole particelle prelevate dall’aria attorno a tre autostrade tedesche affollate, e hanno scoperto che la stragrande maggioranza delle particelle tossiche (circa l’89%) proveniva da pneumatici di veicoli, sistemi frenanti e strade stesse. Tutte insieme, queste particelle sono classificate dai ricercatori come particelle microplastiche, sebbene includano materiali diversi dalla plastica.

Queste particelle vengono spazzate via dal vento e lavate dalla pioggia in corsi d’acqua che portano all’oceano, ed è qui che possono danneggiare animali acquatici e ecosistemi fragili, afferma lo scienziato ambientale Reto Gieré dell’Università della Pennsylvania. Lo studioso ha presentato i risultati il ​​6 novembre all’incontro annuale della Società geologica d’America a Indianapolis. Ricerche precedenti hanno stimato che circa il 30% del volume di microplastiche che inquinano gli oceani, i laghi e i fiumi derivano dall’usura degli pneumatici.

Vogliamo tutti ridurre le emissioni di CO2” dagli scarichi dei veicoli, afferma Gieré. “Ma non si può fermare l’abrasione dei pneumatici.” La congestione del traffico peggiora il problema. I veicoli che viaggiano a velocità costante senza frenare molto, producono meno particelle, hanno scoperto i ricercatori.

 

Non esiste una soluzione al momento

Poiché alcuni materiali, compresa la gomma sintetica, si rivestono di polvere e altri frammenti di detriti, non sono sempre facili da identificare. I ricercatori sono riusciti inoltre ad analizzare ogni particella ,esaminando ciascuna di esse con un microscopio elettronico a scansione ed eseguendo analisi chimiche.

Queste particelle sono invisibili ad occhio nudo, e questo non ci fa rendere conto del problema“, afferma John Weinstein, tossicologo ambientale presso la Cittadella di Charleston, che non è stato coinvolto nello studio.