Android: Facebook non serve e va cancellata come altre due app famosissime

Android ha ormai sviluppato una piattaforma ideale per tutti i tipi di utenti, e l’ottimo lavoro è stato riconosciuto. Il sistema operativo di cui parliamo è attualmente quello più utilizzato in tutto il mondo, mettendosi alle spalle anche altre realtà molto ma molto valide.

Il merito di tutto ciò è soprattutto di Google, fautore del sistema operativo che negli anni ha migliorato la piattaforma anche sul piano dei contenuti. Il Play Store, che è il negozio di applicazioni e giochi presente proprio per Android, include davvero molte possibilità. Ci sono ovviamente anche le applicazioni più famose che tutti conoscono, ma siamo sicuri che queste siano sicure e che non portino problemi agli smartphone?

 

Android, ci sono altre due applicazioni famose oltre a Facebook che gli utenti dovrebbero disinstallare subito

Il mondo Android è forse uno dei più ricchi di applicazioni in assoluto, e gli utenti sanno di poter contare su molte di queste. I contenuti sono spesso molto validi e soprattutto gratuiti, e portano molte soddisfazioni agli utenti.

Leggi anche:  Android regala le sue applicazioni a pagamento, eccone ben 3 sul Play Store

Ci sono però alcuni contenuti che pur essendo molto famosi possono portare qualche problema agli smartphone, e uno di questi è sicuramente Facebook. La nota piattaforma Social infatti porta grossi problemi di autonomia agli smartphone, visto che la sua attività portata avanti in background è davvero molto pesante.

La stessa problematica abbraccia anche un altro Social che è snapchat, il quale negli anni è però caduto quasi nel dimenticatoio a causa di Instagram. L’applicazione che però sembra mostrare più di tutti la sua problematica è Clean Master, contenuto preposto per la pulizia del sistema Android. In questo caso, nel tentativo di chiudere alcuni processi per liberare memoria RAM, l’applicazione creerebbe un conflitto. Questo andrebbe poi a rallentare lo smartphone e di conseguenza a complicare la vita agli utenti.