Negli ultimi anni si è sentito spesso parlare del fenomeno riguardante l’Intelligenza Artificiale, ovvero le capacità di una sistema tecnologico di effettuare dei compiti/attività caratteristici degli essere umani.

C’è chi parla di uno sviluppo realistico e altri invece ipotizzano di un’idea fantasiosa. Ma la domanda che ci poniamo anche noi, oltre ai diretti interessati, se c’è qualcosa di concreto ed eventualmente quali sarebbero le prospettive future.

Alcuni esperti in questo settore, hanno rilasciato diverse dichiarazioni riguardanti lo sviluppo dell’AI. Andiamo a scoprire se ci sono degli indizi importanti per farci un’idea più chiara.

 

AI: sviluppo concreto o fantascienza?

Uno degli storici quotidiani a livello globale, nonché tra i più letti e conosciuti, ovvero il New York Times, ha costatato recentemente che ci vorranno almeno 10 anni prima che un sistema AI riesca ad individuare/analizzare una fake news, in modo da rendere più pulita la comunicazione dei mass media.

Leggi anche:  Google offre 25 milioni di dollari per risolvere qualsiasi problema con l'I.A.

Facile da comprendere questa opinione, visto che attualmente il sistema AI non riesce a fare dei ragionamenti. Ad oggi, gli algoritmi AI faticano a comprendere il linguaggio e non solo, sono ancora distaccati dalla realtà.

Le applicazioni di Intelligenza Artificiale che oggigiorno sono sempre più frequenti all’interno di diverse aziende, sono ad esempio i sistemi AI, che permettono ai robot della linea di produzione di imparare in modo autonomo le mansioni da svolgere senza essere programmati.

Altri esperti affermano che l’Intelligenza Artificiale entrerà prepotentemente nella nostra quotidianità nei prossimi anni. Ci saranno nuovi modi di comunicare come ad esempio i chatbot e gli assistenti vocali. Per quanto riguarda le applicazioni AI che avranno un forte impatto, saranno presenti nel settore della sanità e nella mobilità. Un esempio su tutti sarà l’auto a guida autonoma.