Dobbiamo scegliere tra persone e profitti‘, dice un lavoratore di Amazon. I dipendenti di Amazon e Microsoft hanno espresso preoccupazione per le decisioni etiche prese al più alto livello delle loro aziende.

Entrambe le società di tecnologia sono criticate per il loro coinvolgimento in controversi progetti militari e di polizia. Ciò ha spinto i lavoratori anonimi a scrivere lettere pubbliche che le denunciano. Le proteste arrivano dopo che il CEO di Amazon, Jeff Bezos, ha affermato che parte del suo lavoro è prendere decisioni impopolari. Quindi anche scegliere di lavorare con l’esercito americano o fornire strumenti che consentano la sorveglianza della polizia. A giugno le persone che lavorano per Amazon hanno scritto a Mr Bezos. L’intento era protestare contro la vendita dello strumento di riconoscimento facciale ai dipartimenti di polizia e alle agenzie governative.

I dipendenti di Amazon e Microsoft sono contrariati dalle decisioni in merito alla partnership con forze militari e la polizia

“Impariamo dalla storia e comprendiamo come i sistemi IBM sono i prediletti del periodo degli anni ’40 per aiutare Hitler. I dipendenti Microsoft hanno deciso anche di protestare contro il governo degli Stati Uniti. Ciò dopo che la società ha espresso interesse per il contratto da 10 miliardi di JEDI per fornire servizi cloud al Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. All’inizio di quest’anno, più di 100 lavoratori hanno firmato una lettera indirizzata al CEO della società Satya Nadella. Stavolta trattasi di un altro contratto controverso, con l’Immigrazione e le dogane degli Stati Uniti (ICE).

Leggi anche:  Microsoft Xbox One: la lista aggiornata dei giochi che supportano mouse e tastiera

La lettera chiedeva a Microsoft di prendere una posizione etica e “mettere i bambini e le famiglie sopra i profitti“. Quindi incitando a seguire una politica di tolleranza zero da parte dell’agenzia che ha portato i bambini a separarsi dai genitori. Hanno chiesto a Microsoft di cancellare immediatamente i contratti con l’Immigrazione e le dogane statunitensi (ICE), inclusi i contratti con i clienti che supportano l’ICE. “Invitiamo inoltre Microsoft a redigere, pubblicizzare e attuare una politica chiara. Né Microsoft né i suoi appaltatori lavoreranno con i clienti che violano la legge internazionale sui diritti umani”.