DVB-T2

Fra 4 anni, la TV digitale terrestre cambierà aspetto con l’adozione del sistema di trasmissione DVB-T2, e la scelta dell’UE e dell’Italia coinvolgerà inevitabilmente il bilancio economico di molte famiglie. Se siete dei più che preoccupati clienti di Sky e Mediaset Premium, sappiate che cambieranno le frequenze e che dovrete forse aggiornare il vostro hardware.

L’attuale standard di trasmissione utilizzato nelle nostre case è chiamato DVB-T, e sarà abbandonato presto in favore del nuovo sistema di frequenze, Digital Video Broadcasting – Terrestrial di seconda generazione, per rispettare le direttiva emanate dalla UE.

La risposta alla domanda è:” per ora no!” Questo perché nel breve periodo potreste tamponare il cambio a DVB-T2 senza farvi prendere alla gola dai megastore di elettronica. Tali faranno breccia nella testa delle persone, avendo gioco facile nel lanciare allarmi catastrofici contro chi non comprerà una nuova fiammante TV per il nuovo standard.

Quando ci sarà il fatidico switch-off nel 2022, la nostra TV non riceverà più i canali Sky o Mediaset, ma voi fatevi trovare pronti e calmi: basterà dotarvi di un decoder compatibile con il sistema di frequenze DVB-T2. Che sia stato mandato dall’azienda o l’abbiate comprato da soli, sappiate che le vacche grasse per i megastore devono finire. I volantini dei megastore affollano la cassetta della posta e scintillanti offerte vi ammaliano e inducono a comprare un nuovo apparecchio. Pertanto vogliamo anche consigliarvi sul da farsi nel caso cambierete apparecchio.

Leggi anche:  Sky attacca Mediaset con il nuovo abbonamento con Champion in regalo e compra Premium

Per cominciare, una TV non più vecchia di due anni è probabile che sia già compatibile con lo standard DVB-T2. Quelle invece risalenti a prima del luglio 2016 smetteranno di funzionare a luglio del 2022, ma basterà dotarle di un decoder per risolvere.

Occhio alla penna perché le truffe dei megastore avranno gioco facile. Se vi recate in negozio per acquistare un nuovo televisore dovete prestare attenzione alle specifiche tecniche. La TV dovrà per forza supportare lo standard DVB-T2 e il più recente codec H265/HEVC. Quindi attenzione a ciò che prendete, le fregature sono sempre in agguato.