samsung Galaxy P30

Galaxy P30 e Galaxy P30+ sono i nuovi smartphone con sistema operativo Android sui quali stanno lavorando designer e ingegneri Samsung in quel di Seoul. Lo hanno rivelato fonti vicine al produttore coreano aggiungendo alcuni dettagli interessanti sulle loro caratteristiche come il fatto che saranno i primi con scanner in-display.

Al contrario di quanto si possa pensare, Samsung Galaxy S10 non sarà il primo smartphone Samsung dotato di un lettore di impronte digitali integrato nello schermo così come non sarà il primo smartphone del produttore con una tripla fotocamera posteriore. Questo primato, infatti, è stato ottenuto la scorsa settimana da Galaxy A7.

 

Galaxy P30 e Galaxy P30+, nuovi smartphone per il mercato orientale con lettore in-display

Lo stesso accadrà per il lettore di impronte digitali con Samsung Galaxy P30 e Galaxy P30+ che avranno la soluzione ottica più economica di uno scanner in-display. Se questo è vero, a Galaxy S10 spetterà il lettore di impronte digitali in-display più costoso e avanzato. Samsung potrebbe svelare i suoi Galaxy P30 e P30+ il prossimo 11 ottobre.

Leggi anche:  Samsung si presenta sul palco dell'evento di Qualcomm con uno strano smartphone

Entrambi i dispositivi, con tutta probabilità, non saranno disponibili in Occidente ma saranno lanciati nei mercati in cui la compagnia risente molto la concorrenza per via di tutti quegli smartphone cinesi offerti a prezzi estremamente aggressivi. Per questo motivo ci aspettiamo che i due nuovi smartphone trovino posto in Cina e in India.

Oltre allo scanner integrato nello schermo, questi smartphone della serie P di Samsung avranno uno schermo LCD. Un vero e proprio ritorno al passato per Samsung, anche questo dettato dalla necessità di offrire un dispositivo economico. Tuttavia, allo stato attuale non si conosce ancora nessuno smartphone con schermo LCD e scanner in-display.

Le soluzioni sviluppate fino ad adesso prevedono, infatti, l’utilizzo di questi lettori solo all’interno di schermi OLED. Samsung, dunque, dovrà fare un ottimo lavoro per integrarli così da sorprendere tutti. Sconosciute le altre caratteristiche anche se possiamo immaginarci un processore Octa Core supportato da almeno 3 GB di RAM.