Netflix vs HBO: 16 trofei vinti basteranno per battere Games Of Thrones?

La prossima battaglia delle guerre per lo streaming si svolgerà sul palco degli Emmys di lunedì: Netflix sfiderà i 16 anni della HBO come società premiata per le innumerevoli nomination.

Per la prima volta, la società infatti si presenterà alla cerimonia con più nomination rispetto a qualsiasi altra piattaforma, ben 112. La HBO di proprietà AT & T, tuttavia, porterà il suo formidabile Game of Thrones, che ha totalizzato degli scores altissimi.

I due si contenderanno i massimi riconoscimenti del settore con NBC e i servizi online Hulu e Amazon Prime Video, ma anche altre piccole società emergenti.

HBO e Netflix hanno combattuto per gli show dal 2013, quando il servizio di streaming ha lanciato House of Cards, un thriller politico che ha portato al società ad un livello più alto. HBO aveva dominato a lungo grazie anche a serie acclamate come The Sopranos e Sex and the City.

 

Qualità vs quantità? Le due strategie delle società

Ma da allora, Netflix si è espanso in un’ampia gamma di generi, il che ha contribuito a migliorare le sue nomination totali. HBO ha sostenuto che il suo focus su una programmazione più piccola e curata della programmazione garantisce una qualità più elevata.

Leggi anche:  Il nuovo servizio streaming di Disney lancia una nuova serie su Falcon e Winter Soldier

Finora, la gara è a testa in giù, dopo che dozzine degli Emmy di quest’anno sono stati consegnati agli eventi a Los Angeles all’inizio di questo mese. HBO ha vinto 17 trofei, tra cui il miglior documentario per The Zen Diaries di Garry Shandling, contro i 16 di Netflix.

Secondo gli esperti, Game of Thrones della HBO è lo show che potrebbe garantire l’agognato  premio come miglior show drammatico. Scontrandosi dunque contro uno spettacolare Stranger Things e la nota serie di successo The Crown.