Netflix: le prime critiche sulla nuova serie Maniac con Emma Stone come protagonista

La commedia dark fantasy di Netflix: Maniac, con Emma Stone e Jonah Hill come protagonisti, ha suscitato reazioni contrastanti da parte della critica.

La serie, rilasciata la prossima settimana, segue i personaggi prendere parte ad una  strana sessione per la sperimentazione di farmaci.

Darren French ha detto in un commento sulla serie: “La natura che divide la storia di Maniac offre alle star la rara opportunità di dare diverse interpretazioni di loro stessi.

Stone va nella direzione opposta, dedicandosi completamente a personalità disparate, Old Hollywood Glam, donna matriarcale e patriota, super-spia fredda“.

 

Maniac lascia la critica indecisa sul verdetto finale

Inoltre, è stata premiata anche da  Daniel D’Addario di Variety prendendo le lodi come “migliore serie TV dell’anno“. Il bellissimo Maniac immerge gli spettatori in un mondo immaginario che diverge dalla nostra consueta realtà ma allo stesso tmepo diventa immediatamente riconoscibile. Una storia pungente tra strane connessioni e inganni.

Leggi anche:  Netflix: i 9 film da non lasciarsi scappare nel mese di settembre

La sceneggiatura è irregolare, ma quando si acclima il modo in cui le influenze giapponesi permeano ogni cosa nel set è davvero unico, per una storia di fantascienza come questa, così come i dettagli analogici”.

Ben Travers di Indie Wire ha avuto pensieri contrastanti sullo show, commentando:

Maniac è una serie particolare e originale in quasi tutti i modi. Intima fino al punto da sentirsi molto piccoli, eppure pieni di idee più grandi di noi stessi“.

Ha anche analizzato la stesura e la regia di Patrick Somerville e Cary Joji Fukunaga, afermando che la loro visione caleidoscopica da vita ad un quadro perfetto di ciò che vuole trasmettere lo show. Inoltre continua dicendo:

I molti cambiamenti tonali non sono sempre ben rifiniti, ma la miniserie è ambiziosa e costellata di ottimi attori, potrà lasciare un segno.