Huawei P20 Pro

Huawei ha avviato il mese scorso i programmi beta di Android 9.0 Pie per nove dei suoi smartphone. Il produttore cinese ha confermato adesso che i primi dispositivo a ricevere l’aggiornamento alla nuova major release del robottino verde saranno quelli della serie Huawei P20 e quelli della serie Huawei Mate 10.

Fedele alla sua promessa, il centro di ricerca e sviluppo software del produttore cinese si sta impegnando per un rilascio estremamente veloce. Nello specifico, gli aggiornamenti ad Android 9.0 Pie potrebbero iniziare già questa settimana. A rivelarlo è la Wi-Fi Alliance che ha certificato diversi smartphone Huawei con la nuova versione di Android.

 

Huawei P20 e Mate 10, queste serie riceveranno presto l’aggiornamento ad Android 9 Pie

Queste certificazioni, infatti, suggeriscono che l’aggiornamento è pronto per essere rilasciato. Gli smartphone individuati sulla Wi-Fi Alliance sono Huawei P20, Huawei P20 Pro, Huawei Mate 10 e Huawei Mate 10 Pro. Stranamente dall’elenco mancano due smartphone della serie P20 e Mate 10: Huawei P20 Lite e Huawei Mate 10 Lite.

Si tratta di due dispositivi molto importanti per il marchio, per via del numero di vendite che ogni anno riescono a totalizzare facendo breccia nei cuori degli appassionati. In ogni caso potrebbero essere inclusi nella seconda tornata di dispositivi che verranno aggiornati ad Android 9.0 Pie.

Leggi anche:  Huawei Mate 10 Pro, disponibile l'aggiornamento con le patch di ottobre in Italia

Oltre agli smartphone telefoni appena menzionati, Huawei prevede di rilasciare l’aggiornamento software Android 9 Pie con la più recente versione della sua interfaccia utente anche per Huawei Mate 10 Porsche Design, Mate RS Porsche Design, Honor 10, Honor V10 e Honor Play.

In ogni caso, anche se Huawei darà il via al rilascio per la serie P20 e Mate 10 nei prossimi giorni, passerà sicuramente un bel po’ di tempo prima che l’aggiornamento arrivi su tutti i dispositivi in ​​tutto il mondo. Le distribuzioni, infatti, procedono a scaglioni e sono vincolate ai Paesi e agli operatori.

Lo specifichiamo per non farvi eccitare troppo dall’imminente arrivo di questa nuova release che proprio imminente non sarà, almeno nel senso stretto del termine.