operatori telefoniciChiunque disponga di un telefono, che sia fisso o cellulare, conosce il concetto di operatori telefonici: provider di servizi che gestiscono la rete di telecomunicazione. Nonostante si valutino prevalentemente sulla base di piani tariffari, abbonamenti e promozioni (che possono attrarre un gran numero di consumatori), un’offerta vantaggiosa non è affatto indicativa della qualità di un operatore e anzi, vi influisce in minima parte.
Tenuto conto di pregi e difetti dei concept adottati, ecco una lista dei cinque migliori operatori telefonici italiani.

WIND

Wind, leader storico del settore nonché primo in Italia per numero di clienti, è indubbiamente uno dei migliori operatori telefonici nazionali. Ben radicato nel territorio, gode di una buona copertura che esclude per lo più le dorsali montane. Dispone di una solida rete di infrastrutture, oggi ampliata con l’acquisizione di Tre, ed è sempre in prima linea per il potenziamento dei servizi: sta concorrendo infatti per l’abilitazione al 5G, già in sperimentazione a L’Aquila e Prato. Attento alle necessità del consumatore, ha ottenuto vari riconoscimenti, sbaragliando la concorrenza in tre categorie su 5: qualità del servizio, assistenza al cliente e rapporto qualità-prezzo.

Vodafone

Vodafone ha sempre puntato sulla capillarità della rete, che ad oggi è la più consolidata. Nel 2018, un esperimento svolto su 14 grandi città, 26 comuni e 5000 strade di collegamento —aree a cui corrisponde il 18% della popolazione italiana, gli ha conferito il riconoscimento di qualità di servizio migliore: ha ottenuto un punteggio di 891/1000, primeggiando in qualità di voce e dati. Recentemente soggetto a rincari, è la soluzione migliore per chiunque prediliga prestazioni superiori al risparmio, talvolta irrisorio.

Fastweb Mobile

Fastweb Mobile è un operatore virtuale, ovvero non dispone di infrastrutture fisiche, ma si appoggia a quelle di TIM. Questa condizione lo pone in lieve svantaggio, in quanto gli impedisce di operare direttamente sulla rete; nonostante questo, gode di una copertura del 98% per il 4G, e c’è da credere che abbia in serbo importanti novità. Da strategie di marketing e recenti investimenti, sembrerebbe infatti che si stia preparando al passaggio da operatore virtuale a possessore; inoltre risulta l’operator mobile con meno costi nascosti. Dati gli ottimi risultati ottenuti in fase virtuale, tra cui l’accesso ai bandi per il 5G (senza gli sconti di nuovo entrante), si classifica senza dubbio tra i migliori —e più promettenti— operatori mobili.

Leggi anche:  Vodafone effettua dei cambiamenti alle offerte fisse e ricaricabili

3 Italia

3, operatore possessore fino a poco tempo fa, si è recentemente fuso con Wind. Questo solo per quanto riguarda gli impianti, poiché continua a fornire servizi indipendenti dal nuovo partner. Valutato singolarmente, risulta potenziato rispetto al passato: l’unione gli ha garantito completa autonomia con maggiore disponibilità di rete, condizione che gli ha conferito il riconoscimento di velocità di download maggiore in 4G per il 2016. Famoso per lanciare offerte-lampo iperconvenienti, come 3GB e 300 minuti a 3€/mese, oggi con Wind sta sperimentando la rete 5G: con il suo alto grado di dinamicità, si conferma uno dei migliori operatori in Italia.

UnoMobile

Primo operatore virtuale in Italia, nasce nel 2007 dall’azienda Carrefour e si appoggia alla rete Vodafone—che è di per sé garanzia di copertura e qualità della rete. Nonostante sia il più consolidato nel suo settore, non si svena per primeggiare con la concorrenza: ha una limitata gamma di offerte, che oscillano tra i 5 e i 10 euro al mese; tutte valide, di ottimo rapporto qualità-prezzo e molto improntate al traffico dati e voce all’estero. Tendenzialmente restio alle rivoluzioni, quando si rinnova è perché la novità lo merita davvero. Anziché giocare sul dinamismo, punta proprio sulla stabilità senza sorprese; con SIM attivabili nei punti vendita aderenti, è ottimo per gli habitué Carrefour, in cui sovente propone bonus, sconti, buoni spesa e omaggi.