Samsung Galaxy S9

Sono diverse generazioni che Samsung lancia una variante Active dell’ammiraglia Galaxy S. Un modello praticamente potente uguale, ma che dalla sua risulta più resistente con una batteria più grande. Quindi, come l’anno scorso abbiamo visto il Galaxy S8 Active, quest’anno era lecito aspettarsi di vedere l’S9 Active, ma a quanto pare non arriverà, per lo meno non entro la fine dell’anno.

Nei mesi successivi al lancio della coppia di quest’anno, erano stati avvistate delle notizie in merito, alcune parlavano proprio dello Snapdragon 845, ma poi non si è saputo più niente. Ora, abbiamo passato le metà di agosto e nessun’altra informazione si è aggiunta mentre tra appena quattro giorni dovrebbero iniziare le vendite del Galaxy Note 9.

 

Un problema di dimensioni

Internamente, tolta la batteria, le versioni normali rispetto all’Active sono sempre rimaste uguali. Quest’anno il Galaxy S9, per via della dimensione e del rapporto tra display e corpo, non sembra adatto ad essere convertito in una versione rugged. A questo punto, Samsung avrebbe potuto usare il Galaxy S9 Plus, ma così facendo rischierebbe troppo una competizione interna a livello di dispositivi premium.

Leggi anche:  Samsung: il nuovo brevetto migliora le fotocamere dei dispositivi

Come detto sopra, tra poco inizieranno le vendite del Note 9, con i preordini già disponibili da giorni. Visto le scarse vendite delle ammiraglie di febbraio, relativamente parlando, la compagnia sembra volersi concentrare proprio sul phablet sperando di recuperare un po’ di terreno perso sul mercato.

L’arrivo dell’Active verso proprio la fine dell’anno potrebbe essere una possibilità, soprattutto in concomitanza con le festività; potrebbe comunque non essere una buona strategia interna. Col passare degli anni, il cambio di design e i display che diventano sempre più grandi a differenze delle scocche, la serie Active potrebbe scomparire.