Qualsiasi oftalmologo ti dirà che la maggior parte delle condizioni degli occhi lascia una sorta di segno visibile che può essere raccolto in una foto o in una scansione 3D. Google DeepMind ha creato un’IA in grado di individuare quei segni e diagnosticare oltre 50 diversi condizioni dell’occhio.

L’intelligenza artificiale ha tradizionalmente avuto problemi con le immagini 3D, incluse le scansioni oculari. Però DeepMind ha ideato un nuovo metodo di addestramento e verifica, il quale utilizza un set di dati di 15.000 campioni. Inoltre, esso può guardare attraverso scansioni 3D senza problemi. In questo modo consente all’intelligenza artificiale di diagnosticare e discernere scansioni del paziente che sopportano condizioni interne come l’ipoplasia del nervo ottico e la degenerazione maculare.

Questo nuovo strumento di intelligenza artificiale è in grado di fare tutto questo su qualsiasi macchina abbastanza forte per eseguirlo. Non ha nemmeno bisogno di un addestramento approfondito. A differenza della maggior parte dei programmi di intelligenza artificiale di questo tipo. Ciò rende lo strumento estremamente accessibile e facile da usare, il che significa che può diffondersi e beneficiare più di un oculista. Di conseguenza, anche un numero maggiore di pazienti. Per aumentare la facilità d’uso dell’Intelligenza Artificiale in questione, viene richiesto il consenso di un medico addetto prima di proseguire con una qualsiasi procedura.

Leggi anche:  Rimosse circa 100 pubblicità fraudolente al secondo con Google Now

Scoprire con facilità eventuali disturbi agli occhi sarà molto più facile con l’aiuto della nuova I.A. sviluppata da DeepMind

Questa notizia è un grosso problema per la comunità medica globale. La popolazione mondiale sta invecchiando. Inoltre, molte cliniche stanno segnalando di fare più esami della vista che mai. Il risultato finale di tutto questo è che il numero di esami oculistici necessari supera di gran lunga il tempo che può essere dedicato collettivamente da professionisti qualificati per interpretarli. Ciò significa che i pazienti vengono lasciati con condizioni non trattate più a lungo. Questo, ovviamente, può avere conseguenze molto gravi.

Il nuovo programma AI può aiutare i medici a selezionare con facilità le scansioni oculari, spostando i pazienti più velocemente nel processo e contribuendo a garantire che nessun paziente debba subire un inutile ritardo nel trattamento di eventuali disturbi agli occhi. L’intelligenza artificiale in campo medico di solito cade lungo queste linee e non ha ancora compiuto una mossa di massa nel trattamento. Ciò significa che, per ora, i medici e l’intelligenza artificiale lavoreranno in tandem.