modem liberoPoter scegliere il modem è un nostro diritto in qualità di consumatori. Un argomento spinoso, che fin oggi ha visto la prepotenza di operatori nazionali che non ne hanno voluto sapere di sottostare al nostro volere personale. Ma, da oggi, cambia la musica, ed in meglio.

AGCOM, di fatto, ha appena approvato in via definitiva il testo della delibera 348/18/CONS che concede le dovute  libertà di scelta delle apparecchiature terminali per l’accesso alla rete Internet da casa. Il nuovo comunicato, diramato dalla stessa Autorità Garante per le Telecomunicazioni, riporta quanto segue mantenendo le promesse fatte in precedenza.

 

Comunicato Stampa AGCOM Modem Libero

“Le misure si inseriscono nel quadro normativo in materia di concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di comunicazioni elettroniche e di armonizzazione delle regole relative alla messa a disposizione commerciale secondo i requisiti tecnici e di conformità delle apparecchiature previste dal diritto europeo”

l’ISP potrà ancora fornire il modem ADSL o Fibra direttamente nel contratto, ma dovrà attenersi a nuove disposizioni che lasciano comunque aperta la strada alle scelta libera del terminale. In particolare si dovranno rispettare i principi della :

  • Cessione del modem a titolo oneroso: gli operatori devono indicare tutti i costi, le rate e le condizioni di riscatto
  • Cessione del modem a titolo gratuito: il consumatore ha il diritto di conoscere le condizioni economiche relative alla fornitura
Leggi anche:  Tim, Wind e Tre sotto inchiesta AGCOM: dovranno pagare 2,4 milioni di euro

In ambo i casi, se il cliente decide di disdire l’offerta, il modem non più utilizzato non dovrà generare costi aggiuntivi a carico del cliente. Associazioni e consumatori mobilitatisi a favore del movimento #modemlibero hanno finalmente raggiunto la libertà di scelta a tutela di servizi che non prevedono costi aggiuntivi o limitazioni di servizio per velocità e quantità di dati.