display smartphone SamsungSamsung si pone ancora una volta in prima linea con un’invenzione che rischia seriamente di rivoluzionare il mondo degli smartphone. Fino ad oggi abbiamo avuto per le mani telefoni belli, potenti e resistenti anche all’acqua ed alle polveri sottili, ma in quanto a resistenza agli urti si è stati ben lontani da un’obiettivo che la società sudcoreana sembra ora aver raggiunto. Diamo il benvenuto al primo display smartphone indistruttibile.

 

Samsung ha il suo OLED Screen a prova d’urto, perfetto per gli smartphone

Mentre si è ancora alle prese con i rumor e le informazioni circa il futuro Galaxy S10 piovono dettagli in merito ad un ambito progetto che a breve consentirà di avere smartphone con display leggeri, resistenti ed altamente reattivi. Perfetti, insomma, per essere utilizzati in mobilità per i nostri smartphone ma non solo. Tablet, dispositivi militari, infotainment auto, console da gioco, notebook e tanti altri prodotti potranno prevedere tale integrazione.

Si tratta di un display OLED ad elevata resistenza agli urti, certificato dall’Occupational Safety and Health Administration (OSHA) del Dipartimemento del Lavoro negli USA. A nulla sono servite le 26 cadute da 1,2 metri e le esposizioni multiple a condizioni di temperatura variabili tra -32°C e +71°C. Il display continua a funzionare senza problemi, andando ben al di là degli odierni standard settoriali.

Leggi anche:  Samsung W2019, il Flip Phone vicino alla presentazione: avrà Android 8.1 Oreo

I test sono stati ripetuti anche per altezze di 1,8 metri. Il risultato? Nulla di fatto, lo schermo ha continuano imperterrito a funzionare senza essere scalfito. Il risultato, neanche a dirsi, è a dir poco eccezionale.

Per giungere a questa conclusione, Samsung ha sfruttato un substrato infrangibile a cui è poi stata applicata una copertura plastica flessibile in luogo del vetro. Al momento non si sono fornite le stime sui tempi di consegna per queste unità e l’ormai imminente debutto del Galaxy Note 9 non garantirà, molto probabilmente, una sua prima diffusione. Forse lo vedremo con Galaxy S10, o magari direttamente sul costoso Galaxy X. Lo scopriremo tra un paio di mesi. Intanto seguiteci per ulteriori approfondimenti.