Ecco come Facebook vuole combattere le fake newsLa lotta dell’Egitto contro le false notizie si sta concentrando sulle celebrità e su qualsiasi altro utente influente sui social media nel paese del Medio Oriente.

All’inizio di questo mese, il Cairo ha promulgato una legge che consente la censura e altre sanzioni da imporre a qualsiasi utente con oltre 5.000 follower. Ciò qualora le autorità stabilissero che i loro profili sono utilizzati per diffondere contenuti ingannevoli e inaccettabili, intenzionalmente o meno. Il Consiglio supremo per l’amministrazione dei media è incaricato di sorvegliare questa nuova legislazione. Tutto ciò con l’intento sia di condurre indagini di conformità che di punire i trasgressori.

Molteplici sanzioni e provvedimenti sono adottati in Egitto per contrastare le notizie false, e non solo

Oltre alle notizie false, la legge sta anche prendendo di mira i discorsi di incitamento all’odio e ogni altro tipo di contenuto che incoraggia il comportamento illegale. È probabile che la mossa sia controversa in Occidente. Infatti rende ancora più severa la legislazione esistente in Egitto che regola i media. Ad oggi, oltre 30 giornalisti sono stati incarcerati nel paese per aver espresso sentimenti anti-regime. Quest’ultimi sono giudicati colpevoli di discriminazione o discorsi che incitano all’odio e alla violenza.

Leggi anche:  Facebook: l'ultima bufala è diventata virale, tanti utenti condividono il post

Tuttavia i gruppi di difesa dei diritti umani rimarranno probabilmente scettici su come la legislazione è applicata nella pratica. Il Consiglio Supremo ora è anche responsabile dell’emissione di licenze obbligatorie per i siti Web, avendo quindi avuto un ruolo ancora più importante nella censura del Cairo. La legge è stata approvata con l’approvazione di due terzi del parlamento egiziano e sarà ratificata dal presidente Abdel Fattah al-Sisi entro la fine dell’anno. Attualmente le nazioni occidentali stanno esplorando anche opzioni legali per combattere le notizie false. Sebbene le loro misure contro tali problemi siano improbabili da paragonare a quelle che il Cairo.