Instagram: la nuova funzionalità non è anonima e genera confusione e imbarazzoLe domande che gli amministratori di pagine Instagram stanno ricevendo, hanno lanciato nel caos il social network e molti utenti. Il problema, se così si può definirlo, è il fatto che queste domande sono realizzate in forma anonima. Molti utenti hanno posto domande che, probabilmente, non avrebbero fatto se avessero saputo di poter essere identificati. E, infatti, da quando questa funzionalità è attiva, molti utenti di Instagram, si lanciano in domande e condivisioni di alcune situazioni davvero vergognose.

L’idea che le domande fossero anonime potrebbe essere stata creata a causa di altre funzionalità di Instagram, come gli adesivi di voto o persino gli slider. Con la nuova funzione delle domande Instagram, molti utenti sembrano aver liberato la curiosità che è in loro e anche una certa indiscrezione. Tuttavia, pare che l’anonimato non sia poi così anonimo, appunto.

 

Un anonimato ben poco anonimo!

Molti utenti, infatti, pensavano che con questa nuova funzione avrebbero potuto porre domande in modo anonimo e la questione sarebbe finita lì. Ma Instagram non ha mai menzionato o dato la certezza del fatto che le domande sarebbero state inviate anonimamente o meno. E, onestamente, perché fomentare imbarazzi e, in qualche caso, anche dell’odio? Ed è qui che è scattato il dubbio e anche notevoli fraintendimenti.

Leggi anche:  I numeri della tecnologia in Italia e nel resto del mondo (parte 2)

Almeno per ridere un po’, alcune persone hanno condiviso i loro dolorosi aneddoti, credendo che queste loro affermazioni fossero anonime e che alcune altre persone fossero addirittura vittime della situazione.

Ora, insomma, lo sappiamo: se non ci sentiamo ancora in imbarazzo con questa funzione, meglio evitare di fare domande indiscrete e/o proposte indecenti attraverso Instagram. A meno che tu non voglia che si sappia chi le ha inviato.