Instagram, come non diventare noiosi

Nel lontano 2012 Facebook Inc. ha acquisito il social network Instagram e da quel momento la piattaforma ha avuto una crescita incredibile. Per esempio nell’agosto del 2016 sono state inserite anche le Storie.

Le Storie, come ben tutti saprete, permettono di pubblicare foto e video che spariscono nell’arco di 24 ore, se non aggiunte ad un contenuto in evidenza. I contenuti in evidenza sono disponibili all’interno del profilo di ogni utente, e salvano le storie in modo permanente. Se non siete delle fashion blogger o personaggi pubblici, fate attenzione a non essere troppo fastidiosi.

 

Instagram, come non essere troppo fastidiosi

La piattaforma non precisa un numero di Storie che si possono pubblicare al giorno, quindi ogni utente è libero di farne quante ne vuole. Stessa cosa per le foto pubblicate all’interno del feed. Una particolare attenzione però va dedicata proprio al numero di foto e Storie da pubblicare, per non risultare fastidiosi agli occhi degli altri utenti. Secondo un esperto, bisognerebbe pubblicare al massimo due foto al giorno.

Leggi anche:  Tinder: tutto quello che bisogna sapere sulla piattaforma d'incontri online

Questo perché, l’utente, vedendo moltissime vostre pubblicazioni o Storie, a meno che non sia un vostro amico stretto o parente, tende ad evitarle. Pubblicando per esempio 10 Storie, noterete che il numero di persone che guardano la prima storia è superiore a quelli che arrivano fino alla fine. Questo perché, pubblicando tante Storie tutte uguali, gli utenti si annoiano a guardarle.

Recentemente il social network ha creato la sezione IGTV, che permette di pubblicare video lunghi anche un’ora, proprio per evitare che molti utenti utilizzassero le Storie per pubblicare video simili. In questo modo ogni utente che si reca nel vostro canale, lo fa appositamente per guardare i vostri contenuti. Moltissimi utenti pensano che pubblicare tante foto al giorno, li porterà ad avere tanti follower, ma la maggior parte delle volte il risultato è quello opposto.