Asus Zenfone 5Z
Asus Zenfone 5Z

Il produttore taiwanese ASUS ha annunciato la serie Zenfone 5 in occasione del MWC 2018 di Barcellona, ed essa si compone principalmente di tre prodotti: Zenfone 5 Lite, Zenfone 5 e Zenfone 5Z.

Tra i tre smartphone, ASUS Zenfone 5Z è il modello di punta, poichè basato sul potente chipset Snapdragon 845. Il dispositivo non è ancora in vendita, in quanto ASUS ci ha comunicato che sarà pronto solo per maggio.

 

ASUS Zenfone 5Z il più potenti di tutti

Ora, a sorpresa, in Cina sarebbe stata diffusa una foto riportante il punteggio AnTuTu dell’ammiraglia. Lo smartphone ha totalizzato la bellezza di 274.499 punti: uno score incredibile – basti pensare che supera i 273.741 punti segnati dall’ultimo Mi Mix 2S di Xiaomi.

Tuttavia, esso è inferiore a quello ottenuto da Xiaomi Black Shark, il quale ha fatto segnare 279.464 punti; ma d’altronde quest’ultimo è uno smartphone nato per i gamers, dunque gode di ottimizzazioni particolari non presenti sul resto dei device di fascia alta, evidentemente pensati per altri tipi di utilizzo.

Ciò detto, ASUS Zenfone 5Z non è stato ancora rilasciato sul mercato, indi per cui il punteggio potrebbe essere destinato a salire grazie ad opportune ottimizzazioni software – non è detto infatti che il dispositivo testata abbia un firmware definitivo.

Correlati: Recensione Asus Zenfone 5: quasi perfetto ma con notch

A titolo meramente informativo, ASUS Zenfone 5Z sfoggia un display da 6,2 pollici con una risoluzione di 2246 × 1080p. Il dispositivo ha anche un Notch sulla parte superiore del display ed un rapporto schermo-corpo pari ad oltre il 90%.

Non manca l’intelligenza artificiale ed una funzionalità chiamata AI boost per l’ottimizzazione del processore e del software. Il dispositivo è dotato di due fotocamere posteriori, caratterizzate da due sensori Sony IMX363.

Zenfone 5Z è inoltre dotato di 6 GB di RAM e 64 GB di spazio interno, ma v’è anche una versione TOP con 8 GB di RAM e 128 GB / 256 GB di storage. Il chipset è ovviamente lo Snapdragon 845 di Qualcomm, gestito dall’interfaccia ZenUI basato su Android Oreo.