spiare facebook

Quanto sono belle queste scarpe Nike?”
Più tardi su Facebook: una pubblicità su scarpe Nike.

OK, forse una coincidenza.

Qual è la migliore bilancia smart sul mercato?” Chiede la mia ragazza a voce alta.
Cinque minuti dopo su Instagram: un annuncio sulle bilancie.

Aspetta, ma ci stanno ascoltando?

Prendi i tuoi integratori” dice mia madre dopo colazione.
Quel pomeriggio: una pubblicità sui migliori integratori naturali.

Sì, ci stanno sicuramente ascoltando.

 

Facebook ci spia dal microfono

Una teoria del complotto che torna prepotentemente a galla, e vede protagoniste proprio Facebook e Instagram: le società – o meglio, la società –  sta sfruttando i microfoni dei nostri smartphone per indirizzare gli annunci. Assurdo, vero?

Facebook non usa il microfono del tuo smartphone per indirizzare gli annunci o per modificare ciò che vedi nel feed di notizie“, afferma la società di Mark Zuckerberg.

Il caricamento e la scansione di molti dati audio “metterebbe a dura prova anche le risorse della NSA“, afferma l’ex product manager di targeting degli annunci di Facebook, Antonio Garcia Martinez. “Avrebbero bisogno di capire il contesto e non solo ascoltare le parole“, dice Sandy Parakilas, un ex direttore delle operazioni di Facebook.

Dunque, Facebook analizza le nostre conversazioni e le nostre ricerche, compresi i like? Esattamente. Bada bene: ovviamente non c’è un hangar dove vi sono tanti uomini che dietro un PC leggono le nostre conversazioni, a mo’ di film americano: un algoritmo, semplicemente, analizza le parole chiave digitate nelle varie conversazioni, e unendo questi dati alle nostre azioni – commenti, like, ricerche – restituisce pubblicità mirate. Tra l’altro, gli annunci Facebook offrono spiegazioni limitate quando si fa clic su “Perché sto vedendo questo?”.

La pubblicità è un elemento importante della rete internet gratuita, ma le aziende che comprano e vendono annunci si stanno trasformando in stalker. Ed ecco perchè é importante capire cosa stanno facendo e cosa possiamo o non possiamo fare per limitarli.

Cosa hai comprato

Quando acquisti qualcosa online, ed inserisci il tuo indirizzo e-mail, numero di telefono o altro ID cliente al momento del check-out, i broker di dati potrebbero ottenere la cronologia degli acquisti.

Le informazioni sul contenuto del mio carrello vengono vendute ad aziende terze, le quali si occupano di diffondere pubblicità mirate per conto di grandi multinazionali – Amazon, eBay e così via.

Come proteggersi

Innanzi tutto, utilizza un indirizzo email o a un numero di telefono ”di riserva” per acquistare online. Facebook lavora direttamente con sei broker di dati, ognuno dei quali ti consente di disattivare la condivisione dei tuoi dati personali, dalla tua email e cronologia degli acquisti.

Certo, non è facile. Ci si deve recare su ciascun sito web del broker e compilare il modulo con… sì, le informazioni personali.

I broker di dati:

Dove sei stato

Cosa potrebbe esserci di meglio della cronologia degli acquisti? Posizione, posizione, posizione. Ti sei fermato in un negozio? Questo annuncio ti ricorderà di tornare! Sei vicino a uno dei nostri negozi? Ecco un coupon!

Ovviamente, gli inserzionisti utilizzano tutti i tipi di segnali di posizione: il GPS del telefono, punti di accesso Wi-Fi intorno a te, indirizzi IP, ecc. Dei veri e propri segugi.

Leggi anche:  Facebook sta testando una UI che si adatta al tipo di utilizzo

Limitare Facebook, si, ma come? Nell’app mobile (iOS e Android), vai su Impostazioni> Impostazioni account> Posizione e disattiva il rilevamento della posizione. Disattiva anche la cronologia delle posizioni.

Altre app possono individuare la tua posizione e pubblicare annunci su Facebook. Prima di concedere l’accesso alla posizione dell’app, pensaci. Su iPhone, vai in Impostazioni> Privacy> Servizi di localizzazione e passa attraverso le app a cui hai concesso l’accesso alla posizione. (Dovrebbero tutti dire “Mai” o “Durante l’uso”, e non “Sempre”.) Su Android, vai su Impostazioni> Posizione.

Quali app stai usando

Facebook utilizza anche le app che abbiamo scaricato per pubblicare annunci mirati. Per porre rimedio a ciò, basterà impedire all’applicazione di effettuare l’analisi della memoria interna dello smartphone.

Cosa è stato cliccato

Facebook analizza anche la cronologia di navigazione sul web: Pixel è infatti installato su milioni di siti Web e app, consentendo agli inserzionisti e al social di vedere cosa facciamo. Sempre. È per questo che potresti vedere un annuncio di un tapis roulant dopo aver cercato su Google ”i migliori tapis roulant elettrici”. Aggiungi qualcosa al carrello? Clicchi su un prodotto o articolo? Pixel lo sa.

Fai questo: la pubblicità basata sugli interessi viene utilizzata in tutto il web dalle grandi aziende tecnologiche. Facebook, Amazon, Google e altri colossi sanno tutto quello che facciamo. Su Facebook, vai su Impostazioni> Impostazioni account> Annunci> Impostazioni annunci e disattiva tutte le impostazioni su quella pagina. Puoi anche cancellare qualsiasi dato che Facebook abbia raccolto su di te in precedenza.

Sul browser del tuo computer, installa le estensioni Ghostery o Privacy Badger. Entrambe consentono di visualizzare e disabilitare i tracker in esecuzione sulle pagine Web.

Chi sei davvero

Tutte queste informazioni, combinate con la tua attività su Facebook e Instagram – quali pagine o post che ti sono piaciuti, le persone con cui sei amico e altro ancora – danno al conglomerato dei social network un ottimo ritratto di te.

Il ritratto diventa più chiaro grazie alle informazioni carpite dai broker di dati: lo stipendio, le auto che più ci piacciono, la dimensione della propria casa, le affiliazioni politiche, le abitudini di spesa e molto altro ancora.

È ciò che consente a qualsiasi inserzionista di accedere a Facebook Ads Manager e avviare il targeting.

Quando il targeting degli annunci viene usato bene, rende la pubblicità migliore“, afferma il portavoce di Facebook Joe Osborne. “Ecco perché costruiamo i nostri strumenti di targeting in un modo che non vengano condivise informazioni personali sulle persone con gli inserzionisti, ciò, inoltre, consente agli utenti un controllo sugli annunci che vedono.”

Il problema è che non si ha ancora abbastanza trasparenza su come questi annunci vengano utilizzati / realizzati.

Ma comunque, se sei ancora preoccupato che Facebook utilizzi il microfono dello smartphone, spegnilo. (Su iPhone, vai su Impostazioni> Privacy> Microfono> Facebook. Su Android, vai su Impostazioni> App> Facebook> Autorizzazioni> Disattiva microfono).