Google Search è molto efficiente in questi giorni grazie a una serie di miglioramenti per ottenere le informazioni desiderate in modo più rapido e semplice che mai. Pare che questi miglioramenti al contempo sottraggono traffico ai siti web elencati nel risultati di ricerca.

La maggior parte dei miglioramenti in questione permettono di visionare le informazioni necessarie direttamente nella pagina di ricerca. Questo non è solo un modo rapido, facile e più accurato per ottenere informazioni. Infatti, ciò consente anche a Google Assistant di leggere le informazioni pertinenti per alcune domande ad alta voce. Il problema è che in molti casi, gli utenti finiscono per non fare mai clic sul link del sito Web che contiene effettivamente tali informazioni.

Uno dei miglioramenti mette una casella nella parte superiore della pagina di ricerca che contiene informazioni e anche immagini pertinenti, con un link al sito Web di origine in basso. Se un utente ottiene ciò di cui ha bisogno dallo snippet in primo piano, Google ottiene comunque entrate pubblicitarie, ma il sito web da cui provengono le informazioni non lo fa, almeno non direttamente.

Leggi anche:  Come impedire a Google di localizzare la nostra posizione in modo permanente

Google ruba la scena ai siti Web, guadagnando di più ma sottraendo visite alle fonti mostrate

I risultati in tempo reale, nel frattempo, mostrano informazioni pertinenti aggiornate in tempo reale da fonti selezionate, a seconda della query. Quindi gli utenti possono ottenere ciò di cui hanno bisogno dai riepiloghi degli articoli senza dover fare clic su alcun sito Web. 

Questa tendenza potrebbe preoccupare i webmaster, specialmente quelli che impiegano molto tempo, denaro e lavoro nell’ottimizzazione dei motori di ricerca per fare in modo che i loro siti web e i loro contenuti siano rilevanti. Tuttavia, i webmaster possono comunque offrire contenuti esclusivi che Google non può mostrare in modo sommario agli utenti. Ad esempio si possono mostrare contenuti video ricchi o link a contenuti pertinenti in loco o anche download. Per le aziende, i proprietari possono contribuire a evitare che ciò accada ai profitti, alle entrate pubblicitarie o alla diminuzione del mindshare degli utenti. Il trucco è garantire che le loro schede di Google siano aggiornate, dettagliate e positive.