Batteria Smartphone

Il nostro corpo, di notte, si rilassa e recupera l’energia necessaria per la giornata successiva. Pertanto, perché la batteria del nostro smartphone non dovrebbe ricevere lo stesso trattamento? In rete gli appassionati si dividono tra chi afferma che la batteria deve essere ricaricata fino al 100% e chi crede che si debba lasciare tutta la notte in carica.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy S8 Plus è ancora più conveniente con Wind: solo 10 euro

Solo una di queste affermazioni è corretta, anzi mezza. Le batterie agli ioni di litio degli smartphone moderni possono essere messe in carica per il tempo necessario affinché l’autonomia raggiunta soddisfi il bisogno del possessore. L’importante è evitare il continuo carica e scarica della batteria.

La batteria del vostro smartphone non deve essere lasciata in carica tutta la notte

L’ideale, dunque, è far completare la ricarica scollegando lo smartphone dalla rete elettrica e dal caricabatterie. Uno studio della batteryuniversity.com spiega che di notte, mentre gli appassionati sognano i top di gamma che verranno presentati, la batteria del proprio dispositivo si caricherà per le due o tre ore necessarie a portarla a pieno regime.

Per il resto della notte, il software interromperà il processo di ricarica una volta che la batteria è tornata al 100%. Questo è un sistema introdotto dai produttori per prevenire il danno da sovraccarico alla batterie e alle altre componenti dello smartphone. Tuttavia, questo non impedisce alla batteria di generare calore.

Leggi anche:  Ricaricare lo smartphone di notte mette a rischio la vostra vita, ecco le conseguenze

Se si mantiene poi il telefono sotto il cuscino, la coperta o addirittura all’interno di una custodia per tutta la notte durante la ricarica, si limita la capacità delle batterie di ricaricarsi completamente. Un effetto che, se continuo nel tempo, danneggia definitivamente le celle agli ioni di litio.

Ad esempio, se la batteria raggiunge una temperatura di 40 gradi per un anno, si inizierà a recuperare solo il 65% della capacità anche se l’utente vedrà sul suo dispositivo 100%. Ancora più grave se la batteria funziona a 40 gradi di continuo per tre mesi. In questo caso la capacità scende al 40%.

Lasciare lo smartphone in carica durante tutta la notte, dunque, non è affatto una buona idea. Se volete un consiglio, dunque, meglio caricarlo di giorno in modo che potete monitorare l’avanzamento della carica e staccare lo smartphone al raggiungimento del 100%. Un dato che potrebbe essere falso se avete sempre sbagliato questa operazione.