ASUS ha presentato ufficialmente tre nuovi smartphone al Mobile World Congress 2018: ZenFone 5, ZenFone 5Q (Lite) e, infine, ZenFone 5Z – che è essenzialmente il prodotto di punta con specifiche più potenti.

Proprio come con ZenFone 5, ZenFone 5Z è dotato di un software arricchito dall’intelligenza artificiale, che – a detta del produttore – contribuirà a rendere la user experience ancora più smart e ”intuitiva”.

Innanzitutto, ZenFone 5Z è dotato di hardware impressionante: Snapdragon 845 coadiuvato da 4 /6 /8 GB di RAM e 64 / 128 / 256 GB di storage interno espandibile tramite microSD. Per quanto riguarda le funzioni AI, ASUS ha dotato la dual camera posteriore di un software in grado di rilevare la scena ripresa, offrendo al tempo stesso dei consigli per migliorare lo scatto. Il sensore principale è un SONY IMX363 con un’apertura f / 1.8, affiancato ad un sensore grandangolare secondario che offre un campo visivo di 120 gradi.

Inutile girarci attorno: Zenfone 5Z assomiglia in maniera impressionante ad iPhone X di Apple. Il prodotto offre un grande display da 6.2 pollici Full HD+ con fattore di forma in 19: 9. Cornici inesistenti, tanto che ASUS ci comunica un rapporto screen-to-body del 90%; un dispositivo perfetto per giocare e guardare video, anche perchè l’esperienza è ulteriormente migliorata dall’audio coinvolgente che la taiwanese ha integrato nel suo flagship. Il telefono ha ifatti due altoparlanti stereo integrati che supportano file audio a 24 bit.

Leggi anche:  Anteprima Huawei Mate X: ecco lo smartphone pieghevole 2.0

Ispirate al melafonino sono anche le ZeniMoji, una funzione che permetterà agli utenti di animare gli avatar usando il proprio volto. ZenFone 5Z sarà basato su Android 8.0 Oreo, personalizzato tramite ZenUI 5.0.

L’azienda ci comunica che arriverà in due colori diversi: Midnight Blue e Meteor Silver, e sebbene ASUS non abbia ancora rilasciato alcuna informazione sulla disponibilità in termini di data di lancio, esso debutterà con un prezzo davvero competitivo: 499 dollari nella versione 4/64. Che dire: bravissima ASUS! Di seguito le foto scattate all’evento ufficiale: