Nokia 8 Sirocco

Arriva anche la nostra anteprima su Nokia 8 Sirocco, il flagship del produttore annunciato in occasione del Mobile World Congress 2018 di Barcellona. Ok, è vero: il nome Sirocco ci fa pensare subito al Nokia 8800 Sirocco, iconico telefonino che ha fatto la storia del marchio finladese.

Il Nokia 8 Sirocco è completamente avvolto da vetro Gorilla Glass 5, con una cornice in acciaio inossidabile a dare più resistenza al tutto. L’acciaio inossidabile è più resistente dell’alluminio, ma anche più premium.

Ci ha particolarmente colpito la compattezza di Nokia 8 Sirocco. I bordi attorno allo schermo sono praticamente inesistenti, e fanno davvero sembrare davvero piccolo questo dispositivo – che comunque ha un display da 5,5 pollici, ma in formato 16: 9. Dicevamo: lo smartphone è sottile appena 7,5 mm, e i bordi si incurvano nel telaio in acciaio inossidabile; il punto più sottile misura solo 2 mm.

È stato davvero meraviglioso maneggiare questo Nokia 8 Sirocco, perché sembra futuristico, e i bordi sono sottili come un rasoio. È semplicemente bello. I pulsanti sono a filo con il bordo destro, quindi non solo è difficile individuarli rapidamente, ma sono anche difficili da premere.

Il software è fluido, semplice e veloce, e dovrebbe essere aggiornato sempre in maniera tempestiva poichè fa parte del progetto Android One.

Il lato posteriore è lucido e – a causa del vetro – attrae tantissimo le impronte. C’è un sistema a doppia fotocamera, seguito da un sensore di impronte digitali e i loghi Nokia e Android One. Sul fondo v’è una porta USB di tipo C e – purtroppo – manca il jack delle cuffie da 3,5mm.

Nel complesso, il design ci è piaciuto tantissimo. È compatto, comodo da impugnare ed ha un display P-OLED fantastico. Ovviamente, non possiamo dirvi come si comporta nell’uso di tutti i giorni – dovrete attendere la recensione completa.

Leggi anche:  Anteprima Huawei Mate X: ecco lo smartphone pieghevole 2.0

Specifiche di fascia alta

Il Nokia 8 Sirocco ha per lo più le specifiche da top gamma, ad eccezione del processore. Utilizza un chip Snapdragon 835 di Qualcomm, che è stato il processore di punta dello scorso anno. Il 2018 è l’anno dello Snapdragon 845, quindi fa po’ strano la sua assenza.

Non che l’835 vada male, intendiamoci. Le app si sono aperte rapidamente e lo spostamento nel sistema operativo è stato veloce. Ci sono 6GB di RAM a bordo, un quantitativo più che sufficiente per un multitasking avanzato, così come 128GB di memoria interna. Non c’è lo slot per schede MicroSD, ma ormai quasi nessun top gamma lo possiede.

Il retro in vetro consente la ricarica wireless Qi; la batteria è da 3.260 mAh. Lo smartphone è anche resistente all’acqua – certificazione IP67.

Parliamo di fotocamera, finalmente. Dicevamo, sul retro è presente un doppio sensre da 12 megapixel + un teleobiettivo da 13 megapixel – con ottica Zeiss – che aggiunge la funzione di zoom ottico 2x e modalità bokeh. Presente poi l’ormai iconica caratteristica “bothie”, la quale ha debuttato lo scorso anno su Nokia 8: essa consente di scattare foto o video con la fotocamera frontale da 5 megapixel e la doppia fotocamera posteriore contemporaneamente, così da catturare contemporaneamente reazione e azione, come affermato dall’azienda. Non manca infine la modalità Pro.

Nokia 8 Sirocco è basato su Android 8.1 Oreo – Android One. Una versione nuda e pura di Android, così come concepita da Google, e che consente di ricevere aggiornamenti costanti e tempestivi.

Il Nokia 8 Sirocco costerà ben 750 euro e sarà disponibile nell’aprile 2018.